12/09/07

GLOSSARIO ITALIANO - LADINO CADORINO (VENAS) S (VOCI IN EVIDENZA: SAVOIA, SCUOLE, SOPRANNOMI VENAS E VALLE, COGNOME SORAVIA, STEMMA DALL'ASTA)

S


sabato sm. sabo [Oltrechiusa: sabeda [sà-be-đa]]
sabbia sf. sabia, sabion sm. [sa-bión] /portà sabion da la Buoite
sacca sf. sacheta, sboldra
saccente agg. e sm. sapienton, (un) che sa na carta pì de 'n libro
sacco sm. saco /sacco da montagna: russac [rus-sàc]
saccheggiare v.tr., saccheggiato p.p. devastà
sacerdote sm. prèe, preve [prè-ve]
sacrificare v.tr., sacrificato p.p. sacrificà
sacrilegio sm. sacrileio
sacro agg. sacro
saetta sf. (lampo) saeta, starluco sm.
sagace agg. svelto, acorto
saggio agg. e sm. sapiente
saggio sm. proa sf., test
sagoma sf. sagoma /- per caseificio (formaggio): scatol sm. [scà-tol]
sagomare v.tr., sagomato p.p. sagomà
sagomata sf. sagomada [sa-go-mà-đa] (ridimensionamento) /l'à ciapà na sagomada
sagra sf. sagra
sagrestano sm. monego [mó-ne-go]
saio sm. tonega sf. [tò-ne-ga]
sala sf. sala, cambra
salame sm. salame
salamandra sf. malissandra (R.P.), silimandra
salare v.tr., salato salà
salario sm. soldo, paga sf.
saldare v.tr., saldato p.p. saldà /saldà gancin, botesele  (occh.) 
saldatore sm. saldador
saldatura sf. saldadura [sal-da-đù-ra]
sale sm. sal
salice sm. vencio [vén-cio] 
salire v.intr. montà su, ienì su
salita sf. riva
saliva sf. sbuta [∫bù-ta]
salmone sm. salmon
salotto sm. stua sf., saloto, salon
salsa sf. sugo sm.
salsiccia sf. luganega [lu-gà-ne-ga]
saltare v.tr. e v.intr., saltato p.p. sautà
saltatore sm. (sci) sautador
salto sm. sauto
salutare v.tr. e v.rifl., salutato p.p. saludà [sa-lu-đà]
salute sf. sanità (arc.), salute
salute int. salve, salute, sani (arrivederci)
saluto sm. saludo [sa-lù-đo]
salvadanaio sm. mosina sf. [mo-∫ì-na], musina
salvare v.tr., salvato p.p. salvà
salvataggio sm. socorso
salvia dei prati loc.s.f. saldan sm. [sal-dàn]
salvezza sf. salveza [sal-vé-ẑa]
sambuco sm. sambugo /zuppa dolce di sambuco: smielaze sm. [∫mie-là-ẑe] /chesta parola la me é stada fata ienì in memoria da na mè seconda darmana, che avèa fato le scole a Venas durante la guera, e pò la era tornada in Germania con duta la famea, senẑa pì podé tornà a Venas. Chesta sopa dolẑe la ienia fata da sò nene Sibilla (Gei "Fauro") che la recorda ancora al dì d'incuoi co 'n grun de nostalgia 
San Nicolò di Comelico San Nicolò /Frazioni (in comeliano): Costa, San Nuclò
San Pietro di Cadore San Piero /Frazioni (in comeliano): Costauta, Mare, Parnei, Val, San Pieru 
San Vito di Cadore San Vido [San Vì-đo] /Borgate: Resinego [Re-∫ì-ne-go], Valesela [Va-le-∫è-la], Saco, Costa, Ciapuza [Cia-pù-ẑa], Serdes [Sèr-des]
sangue sm. sango
sanguinare v.intr., sanguinato p.p. sangonà
sanguisuga sf. sangueta [san-gué-ta]
sano agg. san
santificato agg. santifià, santificà
santino sm. santin
Santo Stefano di Cadore San Stefin /(in comeliano) SaStefi /Frazioni (in comeliano): Cianplongo, Ciadada, Costlisëgn
sapere v.tr. savé [sa-vé] /saputo p.p. savesto /non ne voglio sapere: no voi insaveghino [in-sa-vé-ghi-no]
sapone sm. saon [sa-ón]
sapore sm. saor [sa-ór]
saporito agg. saorì
Sappada (Comune a nord del Comelico, passato con il Regno d'Italia alla provincia di Belluno; vi si parla un dialetto bavaro-tirolese [plodarisch]) Sapada [Sa-pà-đa] /plodarisch: Plodn
sarchiare v.tr., sarchiato p.p. sarì
sarchiata sf. sarida [sa-rì-đa]
sarchio sm. sarcio
sarda sf. sardela [sar-đè-la]
sarto sm. sarte, sarto, sartor [sar-tór]
sasso sm. sas, piera sf. [pié-ra], pera sf. [pè-ra]
Savoia 1) Casa reale italiana 2) sinonimo di confusione festosa, contrapposto a Republica, uguale a disordine /l'e duta na Savoia...... l'e duta na Republica /viene ancor oggi ricordato a Venas il saluto rivolto al Principe di Piemonte Umberto di Savoia, nel suo passaggio a Venas per l'inaugurazione della nuova Ferrovia delle Dolomiti (1923), da parte del tradizionalista cattolico Valentino Dall'Asta (Valentin dal Bus): "Dio perdoni i peccati di Casa Savoia"
saziare v.tr. e v.rifl., saziato ingosà, iempì
sazio agg. pien, passù
sbaciucchiare v.tr. e v.rifl., sbaciucchiato p.p. basucà [ba-∫u-cà], sbasucà [∫ba-∫u-cà]
sbadato agg. disatento, distrato
sbadigliare v.intr., sbadigliato p.p. spadeà [spa-đe-à] /l'é duto 'l dì che spadeo
sbadilare v.intr., sbadilato p.p. sbadilà [∫sba-đi-là]
sbagliare v.tr. e v.intr. e v.rifl., sbagliato p.p. sbalià /"Al sbalia anche 'l prèe su l'altar"
sbaglio sm. falo, capela sf. [ca-pè-la], capelada sf. [ca-pe-là-đa], sbalio
sbalordito agg. scaturì, inmatonì, interdeto /sono rimasto sbalordito: son restà come 'n stival
sbandare v.intr., sbandato p.p. tirà de cù
sbandieratore sm. banderal [ban-de-ràl] (banderal significa anche voltagabbana, chi cambia spesso opinione)
sbaragliare v.tr. destrude
sbarazzare v.tr. e v.rifl., sbarazzato p.p. desbrigà
sbarazzino agg. sbiro
sbarcare v.intr., sbarcato p.p. desbarcà
sbarra sf. stangia
sbarramento sm. (torrenti) stua sf. /vedi anche: briglia
sbatacchiare v.intr., sbatacchiato p.p. sbatocià
sbattere v.tr. sbate; smaltà v.rifl. /sbattuto p.p. sbatù, smaltà /è andato a sbattere contro il muro = l'e dù a smaltasse su par al muro /sbattere gli occhi: sbirlà /[il verbo sbate è usato in molte espressioni che indicano irrequietezza: sbate bance, sbate 'l mato, sbate i cuerce, ecc.]
sbavare v.intr. molà le sbae
sberla sf. s-ciafa, slepa [∫lè-pa]
sbevazzare v.intr., sbevazzato p.p. beuzà [be-u-ẑà], cichetà /al beuzea
sbiadito agg. descolorì
sbieco agg. sbiego
sbigottire v.intr. restà, confonde
sbirciare v.tr. vardà fora par sote
sbloccare v.tr., sbloccato sblocà
sboccare v.intr. dì a fenì
sbocciare v.intr., sbocciato p.p. bucià (fora)
sbocconcellare v.tr., sbocconcellato p.p. petucà
sbollire v.intr., sbollito p.p. lassà via de boì
sbornia sf. bala, piomba, cioca
sborsare v.tr., sborsato p.p. sborsà, pagà, sgancià
sbottonare v.tr., sbottonato p.p. desbotonà, dezolà [de-ẑo-là]
sbozzare v.tr., sbozzato p.p. sbozà [∫bo-ẑà]
sbraitare v.intr., sbraitato p.p. craià
sbrattacucina sf. spazacosina [spa-ẑa-co-∫ì-na]
sbriciolare v.tr. sfregolà, fei [fè-i] fregole, (fig. relativo a denaro) smizolà v.rifl. [∫mi-ẑo-là] al s'a smiolà (fora) dute i schei
sbrigare v.tr., sbrigato p.p. desbrigà, destrigà, desbratà, despatà
sbrindellato agg. sbrindolà, strazon [stra-ẑón]
sbrodolare v.tr. sbrodolato p.p. sbrodegà [∫bro-đe-gà]
sbrogliare v.tr., sbrogliato p.p. desbroià
sbronzo agg. e sm. cibato, cioco, inbriago
sbruffone agg. e sm. cagon [ca-gón]
sbucare v.intr., sbucato p.p. sautà fora
sbucciare, sbucciato p.p. sgofolà, pelà
sbuffare v.intr., sbuffato p.p. sofià, sbufà
scacciare v.tr., scacciato p.p. parà via, parà fora [fò-ra], descazà [de-sca-ẑà]
scadente agg. scarto
scaffale sm. scafal, scanzia sf. [scan-ẑìa]
scaglia sf. scaia
scagliola sf. scaiola
scala sf. scala [Oltrechiusa, Lozzo: sala]
scalare v.tr. 1) defalcà, tirà do 2) dì su, rampegà
scalcinato agg. e sm. malpieze [mal-pié-ẑe] [Perarolo: scalzamit [scal-ẑa-mìt]]
scaldaletto sm. monega sf. [mó-ne-ga]
scaldare v.tr., scaldato s-ciaudà
scaldino sm. matonela sf. 
scalone sm. scalon
scalpellino sm. scarpelin
scalpello sm. scarpel [scar-pèl]
scalpitare v.intr., scalpitato p.p. scarpedà [scar-pe-đà], spedazà [spe-da-ẑà]
scalpore sm. scalpor
scaltro agg. sveio, furbo
scalzo agg. descoze [de-scó-ẑe]
scambiare v.tr., scambiato p.p. scambià
scampare v.tr., scampato scampà
scampolo sm. scampol
scanalatura sf. salera [sa-lè-ra], canesela [ca-ne-∫è-la], canalin sm. (occh.)
scandalizzare v.tr. e v.rifl., scandalizzato p.p. scandalidà [scan-da-li-đà]
scansare v.tr. e v.rifl., scansato p.p. schivà
scansia sf. scanzia [scan-ẑìa]
scapolo sm. tos [tós]; (var.) arteluz [ar-te-lùẑ] /vecchio scapolo: brusson [brus-són], conastro
scappare v.intr., scappato p.p. scampà
scappata sf. scampada [scam-pà-đa], scampon sm. [scam-pón]
scappellotto sm. scufioto [scu-fiò-to]
scarabocchio sm. spotacio
scarafaggio sm. s-ciavo
scaraventare v.tr., scaraventato p.p. bucià
scarcerare v.tr., scarcerato p.p. molà (de preson)
scarmigliato agg. despetenà, sghirlatà
scaricare v.tr., scaricato p.p. des-ciarià
scarico sm. (fontana) gorze [gòr-ẑe] /"Bee come 'n gorẑe" /chipa sf.
scarno agg. scarmol [scàr-mol]
scarpata sf. scarpada [scar-pà-đa], ruoi sm.
scarpe sf.pl. ciauzei sm.pl. (R.P.) [ciau-ẑèi], scarpe /scarpe con chiodatura antighiaccio fissa: ciauzei da fer /attacchi chiodati da legare sotto le scarpe: grife sm.pl., iazin [ia-ẑìn] sm.pl. /ferro un tempo fissato davanti alla porta delle case che serviva per togliere la terra dalle suole delle scarpe prima di entrare in casa: fer da scarpe (var.: cian da scarpe)
scarpetta sf. scarpeto sm. (fatto in casa, tutto in stoffa)
scarpinata sf. scarpinada
scarponi sm.pl. scarpe grosse loc.s.f.pl., dalmede sf.pl.
scarseggiare v.intr., scarseggiato p.p. scarsumà
scartare v.tr., scartato p.p. 1) scartà 2) descartà
scassare v.tr., scassato p.p. spacà su
scatenato p.p. e agg. des-ciadenà [de-s'cia-đe-nà], scatenà
scatola sf. scatola
scaturire v.intr. ienì fora
scatto di nervi loc.s.m. chechina sf. [che-chì-na] /provocare uno scatto di nervi: "Fei sautà su la chechìna"
scavalcare, scavalcato p.p. sautà via par sora
scavare, scavato p.p. scavà
scavatrice sf. pachera
scavo sm. scavo
scazzone sm. marson [mar-són]
scazzottare v.intr. spugnazà [spu-gna-ẑà]
scegliere v.tr. curà fora [cu-rà fò-ra], zerne [ẑèr-ne], sielie [sié-lie]
scemo agg. e sm. sempio [sèm-pio], sempioldo [sem-piòl-do], insemenì
scendere v.intr. desmontà [de-∫mon-tà], ienì do /sceso p.p. desmontà, ienù do
scheggia sf. 1) s-centena [s'cén-te-na], scheia [sché-ia], ris-cia [rì-s'cia] 2) (legno) s-ciolpa [s'ciól-pa], stela [stè-la]
scherno (esclamazione di -) iè, iè, la batarela ! loc.escl. [ba-ta-rè-la]
scherzare v.intr., scherzato p.p. scherzà [scher-ẑà]
scherzo sm. scherzo [schèr-ẑo] /per scherzo loc.av.: par ride [rì-de]
schiacciare v.tr. frande, schizà [schi-ẑà], fracià, spanteà
schiacciata sf. (di farina e acqua) batol sm. [bà-tol], peta [pé-ta]
schiaffeggiare v.tr., schiaffeggiato p.p. s-ciafazà [s'cia-fa-ẑà], sberlotà
schiaffo sm. s-ciafa sf. [s'cià-fa], slepa sf. [∫lè-pa], sberla sf. [∫bèr-la] /schiaffone sm. s-ciafazon [s'cia-fa-ẑón], slepazon [∫le-pa-ẑón], sberlon [∫ber-lón]
schiamazzare v.intr. craià, zigà [ẑi-gà], sbraità
schianto sm. (albero abbattuto dal vento, ecc.) s-cianto
schiappa sf. s-ciapa /te sos na s-ciapa
schiarire v.intr. 1) s-ciarì 2) fei fora [fèi fò-ra] (tempo)
schiavitù sf. s-ciavitù
schiavo sm. s-ciavo
schiena sf. schena /schena de mus: indolente
schienale sm. schenal [sche-nàl]
schierare v.tr. e v.rifl. rangià, alineà, bete
schietto agg. s-ceto
schifo sm. afano
schifoso agg. stomeos [sto-me-ós], schifoso
schioccare v.tr. e v.intr., schioccato p.p. s-ciocà
schiodare v.tr., schiodato p.p. des-ciodà [de-s'cio-đà]
schioppo sm. s-ciopo
schiuma sf. spiuma
schiumare v.tr., schiumato p.p. spiumà /spiumà al vin
schivare v.tr., schivato p.p. schivà
schizzare v.tr. e v.intr. e v.rifl., schizzato p.p. sghizà [sghi-ẑà], schizà [schi-ẑà]
schizzinoso agg. e sm. splinze [splìn-ẑe]
schizzo sm. sghizo [s'ghì-ẑo], s-chizo [s'chì-ẑo]
sci sm.inv. ski, sci
scia sf. traza [trà-ẑa]
sciagura sf. desgrazia [de-sgrà-ẑia]
sciagurato agg. e sm. desgrazià [de-sgra-ẑià]
scialacquare v.tr. strazà [stra-ẑà], desnedià, fei fora
scialbo agg. dania [da-nìa]
sciamare v.intr., sciamato p.p. samà
scialle sm. sial /scialletto: mantelina sf.
sciarpa sf. siarpa
sciatto agg. malcenù, malbetù, malpieze [mal-pié-ẑe]
sciavero sm. (l'asse più esterna che si ottiene da un tronco d'albero segato longitudinalmente) scorze [scòr-ẑe] /scorz [var.]
scienza sf. sienza [si-èn-ẑa]
scimmia sf. simia
scindere v.tr. divide
scintilla sf. bulifa
scintillare v.intr. lusì
sciocchezza sf. stampionada [stam-pio-nà-đa], monada [mo-nà-đa]
sciocco agg. e sm. balos [ba-lòs], bauco [baù-co], bisuco [bi-∫ù-co], pandolo [pan-dò-lo], sempioldo [sem-piòl-do], stampion [stam-pión], starluco, tananai [ta-na-nài], tarnazon [tar-na-ẑón]
sciogliere v.tr., sciolto p.p. 1) delegà 2) desleà 3) molà, desmolà
sciovia sf. ski-lift sm.
scipito agg. dessavì
scissione sf. division
sciupare v.tr. e v.rifl., sciupato p.p. 1) strussà, strussià 2) strazà [stra-ẑà]
scivolare v.intr., scivolato p.p. 1) sbrissà 2) niscolà v.rifl. (per divertimento sulla neve, ecc.)
scivoloso agg. slizego [∫lì-ẑe-go]
scoccare v.tr. e v.intr. 1) tirà 2) bate, sonà
scocciare v.tr. secà
scocciatura sf. secadura [se-ca-đù-ra]
scodella sf. scudela [scu-đè-la], piadena [pià-đe-na]
scogliera sf. scuiera [scu-ié-ra]
scoglio sm. scoio [scò-io]
scoiattolo sm. sghirata sf. 
scolare v.tr. e v.intr. 1) scolà 2) desgore
scollare v.tr., scollato p.p. descolà
scolorire v.tr. e v.intr., scolorito p.p. descolorì, smarì
scolpire v.tr., scolpito p.p. scolpì /(legno) intaià
scombinare v.tr. bucià sotesora, mandà a monte
scommettere v.tr. scomete
scomodare v.tr. descomodà
scomodo agg. descomodo
scomparire v.intr., scomparso p.p. sparì, sconparì
scompigliare v.tr. agità, confusionà
scompiglio sm. desordin, confusion
scomporre v.tr. e v.rifl. sconpone [scon-pò-ne], desconpone [de-scon-pò-ne], desfei
scomunicare v.tr., scomunicato p.p. scomunicà
sconcio agg. e sm. porzel [por-ẑèl], porcaria sf.
sconfessare v.tr., sconfessato rinegà
sconfiggere v.tr. vinze [vìn-ẑe], bate
sconfinare v.intr. dì fora de 'l confin /(fig.) divagà
sconfitta sf. batuda [ba-tù-đa]
sconforto sm. avelimento
scongelare v.tr. e v.rifl., scongelato desiazà [des-ia-ẑà]
scongiurare v.tr., scongiurato p.p. 1) inplorà 2) evità
sconnettere v.tr., sconnesso p.p. scaderlì
sconosciuto agg. e sm. no cognossù, foresto
sconquassare v.tr., sconquassato p.p. sacagnà
sconquasso sm. sacagnada sf. [sa-ca-gnà-đa]
sconsiderato agg. aventà, inprudente
scontare v.tr., scontato p.p. scontà
scontentare v.tr., scontentato p.p. descontentà
scontento sm. malcontento
scontrarsi v.rifl. se bate inte
scontrino sm. scontrin
scontro sm. 1) lota sf. 2) scontro
scontroso agg. e sm. ors, salvarego
sconveniente agg. disadato
scopa sf. scoa [scó-a] /scopino sm. scoeto [sco-é-to]
scopare v.tr., scopato 1) scoà 2) v.tr. e v.intr. (fare l'amore) pincià, guzà [gu-ẑà], taconà, ciavà, fei ficio loc.v.intr.
scoperchiare v.tr., scoperchiato p.p. tirà via al cuercio /(tetti) portà via al cuerto
scoperta sf. scoperta
scoperto agg. descuerto
scoppiare, scoppiato p.p. 1) s-ciopà 2) sbozà (fora) [∫bo-ẑà]
scoppiettare v.intr., scoppiettato p.p. s-ciopetà
scopo sm. fin
scoppio sm. esplosion sf.
scoprire v.tr. 1) descuerde [de-scuèr-đe] 2) ciatà fora
scopritore sm. inventor
scoraggiare v.tr., scoraggiato p.p. scoraià
scorbutico agg. e sm. rospo, brusson, conastro
scorciatoia sf. curta
scorcio sm. 1) visual sf. 2) momento
scordare v.tr. e v.rifl., scordato p.p. desmenteà
scoreggia sf. scoreda [sco-ré-đa]
scoreggiare v.intr., scoreggiato p.p. scoredà [sco-re-đà] /scoreda, mus !: esclamazione usata per alludere a qc. in difficoltà
scorgere v.tr. vede [vé-đe] /scorto p.p. vedù [ve-đù]
scornato agg. scornà, (esse) come 'n zavatol [ẑa-và-tol]
scorpacciata sf. spanzada [span-ẑà-đa], passuda [pas-sù-đa] /m'èi fato na spanẑada de ẑariese
scorpione sm. scarpion
scorrere v.intr. 1) desgore [de-∫gó-re] 2) passà
scorretto agg. vilan, scoreto
scorrevole agg. ladin [la-đìn]
scorta sf. provista /scorta
scortecciare v.tr., scortecciato p.p. scorzà [scor-ẑà]
scorticare v.tr., scorticato p.p. scorteà
scorza sf. scorza [scòr-ẑa]; sgofola [∫gó-fo-la], mela [mè-la] (legumi)
scosceso agg. verto [vér-to], su dreto /Vedi anche la voce rizzato
scossa sf. sgorlon sm. [∫gor-lón], sgorlada
scostare v.tr.. e v.rifl., scostato p.p. tirà via, parà via
scostumato/a agg. e sm.f. sfondrà, sfondrada [sfon-drà-đa] /chele doi sfondrade
scottare v.tr. e v.rifl., scottato p.p. sbroà, scotà
scottatura sf. scotadura, brusada [bru-∫à-đa]
scovare v.tr., scovato p.p. ciatà
screditare v.tr., screditato p.p. descredità
scremare v.tr. 1) fei la tara 2) (latte) desbramà
screpolare v.tr. e v.rifl., screpolato p.p. (oggetti) sbecotà, crecà, smocolà; (pelle) pestà /èi duta la lenga pestada
screziato agg. visolà [vi-o-là] (G.D.C.)
screzio sm. radego [rà-đe-go]
scricchiolare v.tr., scricchiolato p.p. scricolà /l'a scricolà i dente duta la nuote
scricciolo sm. s-ciaruze [s'cia-rù-ẑe]
scriminatura sf. (capelli) zerneio sm. [ẑer-né-io]
scritta sf. 1) iscrizion [i-scri-ẑión] 2) cartel sm. [car-tèl], placato sm. 
scrittore sm. scritor
scrittura sf. scrive sm., scritura
scritturare v.tr., scritturato p.p. ingagià
scrivania sf. scritoio sm.
scrivere v.tr. scrive /scritto p.p. scrivesto
scroccare v.tr., scroccato p.p. scrocà
scroccone sm. scrocon
scrofa sf. luia, scroa, troia
scrollare v.tr. e v.rifl., scrollato sgorlà do [đó]
scrostare v.tr., scrostato p.p. descrostà, scrostà
scrupolo sm. scrupol
scrupoloso agg. scrupolos
scrutare v.tr., scrutato p.p. scuzignà [scu-ẑi-gnà], vardà intramedo
scucire v.tr., scucito p.p. descosì [de-sco-∫ì]
scudisciata sf. scuriada [scu-rià-đa]
scudiscio sm. scuria sf.
sculacciare v.tr., sculacciato p.p. petà, petà su l cù
scultore sm. scultor
scuola sf. scola
SCUOLE A VENAS
A Venas ci fu solo una Scuola Elementare, poi soppressa. L'edificio, intitolato all'abate Ignazio Colle (vedi la voce Colle Ignazio: Lettere C-D), fu costruito in epoca fascista (entrò in uso nel 1934 e fu inaugurato ufficialmente nel 1936), si trova in via Lasta, ed ora è stato trasformato in comunità alloggio. Dall' '800, una scuola elementare maschile (limitata a tre classi) si trovava in Piazza Marconi, nell'attuale edificio del Paveon (Vedi la voce relativa Lettere P-Q-R). Detto edificio, dal 1934 al 1972 ospitò un “Asilo Infantile”, intitolato nel 1945 alla Maestra Giacomina Da Rolt - Toscani, “che per un quarantennio profuse il suo impegno e le sue più attive energie in qualità di Maestra Elementare nei medesimi locali”. L'analfabetismo a Venas, come nel resto del Cadore, fu storicamente inesistente, contrariamente a molte altre zone d'Italia. (Per i maestri di Venas, vedi la voce Maestri: Lettere L-M)  

scuotere v.tr., scosso p.p. 1) sgorlà 2) scorsedà [scor-se-đà] 3) ingramezà [in-gra-me-ẑà]
scure sf.  manera [ma-nè-ra]
scurire v.tr. e v.rifl., scurito p.p. scurì
scuro agg. e sm. scuro
scusare v.tr. e v.rifl., scusato p.p. scusà
sdebitarsi v.rifl. se sdebità
sdegnare v.tr., sdegnato p.p. desprezà [de-spre-ẑà] /sdegnarsi v.rifl. se risentì
sdegno sm. disprezo [di-sprè-ẑo]
sdentato agg. zenza dente [ẑèn-ẑa đèn-te]
sdilinquirsi v.rifl. dì in bró de iuiole loc.v.intr. (lett.: andare in brodo di giuggiole)
sdoppiare v.tr., sdoppiato p.p. smedà [sme-đà]
sdraiare v.intr. e v.rifl., sdraiato p.p. destirà
sdrucciolare v.intr. e v.rifl., sdrucciolato p.p. niscolà
sdrucciolevole agg. slizego [slì-ẑe-go]
se cong. se
se pron.pers.atono se /al se l'a ciatà davante
pron. pers. sè, el / ela /seguro de sè /inte de el
sebbene cong. seben
sebo sm. sieo [sié-o]
seccare v.tr. e v.rifl., seccato p.p. secà
seccatore agg. e sm. inpiastro, pitima, rompebale
seccatura sf. secadura [se-ca-đú-ra], fastide sm. [fa-stì-đe]
secchiaio sm. seier [se-ièr], secer [se-cèr]
secchio sm. seia sf. [sé-ia], secia sf. /secchiello sm. secel [se-cèl]
secco agg. seco /sm. arso
secessione sf. secession
secolo sm. secol (pl. secui)
secondo av. a seconda, conforme
secondo agg. secondo
sedano sm. senelo [sè-ne-lo], sedano
sedano di prato loc.s.m. spalma sf. 
sedativo sm. calmante
sede sm. ciasa sf., posto
sedere sm. , panaro [pa-nà-ro]
sedere, v.intr. e v.rifl., seduto p.p. sentà /lo stare seduto (nel letto) in senton loc.av. [sen-tón] /stà in senton su 'l lieto
sedia sf. carega [ca-ré-ga] /(var.) cariega
sedici agg.numer.card.inv. sedese [sé-đe-∫e]
sedile sm. senta sf. [sèn-ta], sedil [se-đìl]
sedimentare v.intr. sedimentà [se-đi-men-tà], repone [re-pò-ne]
sedimento sm. sedime [se-đì-me] (sedime è anche terreno fabbricabile, fondamenta)
sedizione sf. ribelion
sedurre v.tr., sedotto p.p. inzingarà [in-ẑin-ga-rà]
sega sf. siega [sié-ga], sega, segon sm. [se-gón]
segale sf. seala [se-à-la]
segare v.tr., segato p.p. seá
segatura sf. segadize sm. [se-ga-đì-ẑe]
seggio sm. scain
seggiolino sm. scagnel
seggiolaio sm. caregheta [ca-re-ghé-ta]
seggiolone sm. caregon
seggiovia sf. seggiovia
segheria sf. sega /capi operai segate sm.inv. /operai: segantin sm.inv. /operai addetti alla fluitazione del legname: menadas sm.inv. [me-na-đàs]
La prima sega mobile e automatica del mondo, azionata ad acqua, fu ordinata nel 1665 da un veneziano e realizzata in Cadore. Venne utilizzata, per quasi 300 anni, per segare tàie (tronchi) e trasformarle in brée (tavole). Nel solo 1875 passarono per il Cidolo (vedi voce) di Perarolo 260.000 tàie, e le 132 seghe che lavoravano lungo il Piave a valle di Perarolo allestirono in quell'anno 3.800.000 brée, trasportate con le zattere verso la pianura veneta. Oltre a 30.000 tràe scuaràde (travi squadrate) che venivano però eseguite, se troppo lunghe, a mano, e trasportate via terra
Foto della sega veneziana ricostruita presso il Museo degli Zattieri di Codissago:
segmento sm. toco [tò-co]
segnalare v.tr., segnalato p.p. avisà, menzonà [men-ẑo-nà]
segnale sm. segnal
segnaletica sf. segnai sm.pl.
segnare v.tr., segnato p.p. segnà /fer da segnà attrezzo per contrassegnare i tronchi e altri oggetti
segno sm. 1) segn [ségn], segno 2) stris, strisson [stris-són] 3) (cenno) moto [mò-to] 4) (impronta) pedega sf. [pè-đe-ga], zapola sf. [ẑà-po-la], traza sf. [trà-ẑa] 5) (pecore, contrassegno) noda sf. [nò-đa] /farsi il segno della croce: se segnà /Era usanza contrassegnare il legname, gli attrezzi, e certi prodotti con il "fer da segnà" [vedi voce precedente] mediante un segno distintivo, diverso per ogni famiglia, chiamato SEGNO DI CASA: Quelli di Venas (del 1830) sono elencati nell'APPENDICE IV di questo Glossario http://archivioladin-venas.blogspot.com/2007/09/appendice-iv-segni-di-casa-delle.html
Per un'ottima storia dei Segni di Casa cadorini vedi il Post di Giovanni (Gianni) Pais Becher:
http://www.auronzo.eu/segni_nelle_dolomiti_29.html
segregare v.tr., segregato p.p. isolà, segregà
segregazione sf. discriminazion [di-scr-mi-na-ẑión]
segretario sm. secretario
segreto agg. sconto [scòn-to] /fufigna sf. [fù-fi-gna] segreto sm.
seguace agg. e sm. afilià
seguente agg. drio /al dì drio
seguire v.tr. e v.intr. ienì drio /seguìto ienù drio
segugio sm. cian da usma
seguitare v.tr. e v.intr., seguitato p.p. continuà
seguito sm. (serie) raula sf. /(corteo) procession sf. /(continuazione) continuazion sf. [con-ti-nua-ẑión] /di seguito loc.av. drioman /in seguito loc.av. dapò, dopo
sei agg.numer.card.inv. sié
selciato sm. saledà
selezionare v.tr., selezionato p.p. curà fora
sella sf. sela
sellaio sm. seler [se-lèr]
sellare v.tr., sellato p.p. selà
selva sf. fissina
Selva di Cadore Selva /Frazioni: Pescul, Santa Fosca
selvaggina sf. (al) salvarego sm. [sal-và-re-go]
selvatico agg. salvarego
semaforo sm. samaforo
sembianza sf. fateze sf.pl. [fa-té-ẑe]
sembrare v.intr. 1) someà 2) paré /sembrato someà, paresto /come t'alo paresto ?
seme sm. seme, semenza sf.; zigol (pl. zigui) [ẑì-gol, ẑì-gui] (zucca)
semilavorato agg. e sm. medolaurà
seminare v.tr., seminato p.p. semenà
semina sf. semenada (non usato) /il tempo della semina: ora de semenà
semmai av. sincaso
semolino sm. gries, semolin
semplice agg. s-ceto, comun, fetivo
semplicemente av. a la bona
sempliciotto agg. e sm. sempioldo [sem-piòl-do], conduoi [con-duó-i], martufol [mar-tù-fol], sturlulù, tananai [ta-na-nài], pitordo [pi-tór-do], macaco, tanaca
semplificare v.tr., semplificato p.p. semplificà
sempre av. sempre [Auronzo (I.Z.): sempro]
senape sf. mostarda /senape nera (Brassica nigra) late de stria
senatore sm. senator
senna sf. (erba purgativa) mana sena [mà-na sè-na]
senno sm. testa sf.
seno sm. sen 
sensale sm. sanser [san-sèr]
sensato agg. iudizios [iu-đi-ẑiós]
sensazionale agg. ecezional
sensazione sf. sensazion
sensibile agg. delicato
senso sm. 1) sentì 2) direzion sf.
sensuale agg. ciaudo
sentenza sf. (dir.) sentenza
sentiero sm. troi [trói]
sentire v.tr., sentito p.p. sentì
senza prep. e cong. zenza [ẑèn-ẑa], senza [sèn-ẑa]
senz'altro loc.av. zenz'autro [ẑènẑ' àu-tro]
separare v.tr. e v.rifl. separà, divide, tirà da na parte
separazione sf. separazion
sepolcro sm. tomba sf.
sepoltura sf. sepoltura
seppellire v.tr., seppellito p.p. sepolì
seppia sf. sepa
sequenza sf. raula, fila
sequestrare v.tr., sequestrato p.p. secuestrà, confiscà
sera sf. sera [Lozzo: siera] /di sera: da dasera /ieri sera: insera
serbare v.tr. bete via, conservà
serbatoio sm. serbatoio, cisterna sf.
serenata sf. sarenada [sa-re-nà-đa] /(sposi) (arc.) maetinada (Per il suo significato, vedi la voce USANZE ROMANE)
sereno sm. saren /incuoi l'é saren
serie sf. raula, fila
serio agg. serios, serioso, cossienzios [cos-sien-ẑiós]
sermone sm. predica sf.
serpeggiare v.intr. 1) strissà 2) se insinuà v.rifl.
serpente sm. sarpente
serraglio sm. serai
serrare v.tr. e v.rifl. serà, strende /serrato p.p. serà, strento (strendù)
serratura sf. seradura [se-ra-đù-ra]
servire v.tr. e v.intr. e v.rifl. 1) servì 2) esse sote paron loc.v.intr. /servito p.p. servì, stà sote paron /al vò esse servì de barba e de paruca
servitù sf. servitù /"Pan de servitù misera insegna, se 'i n'é a disnà no 'i n'é pì a ẑena" /Oggi si potrebbe dire: "Co 'l pan de servitù de adès, se 'i n'é a la metà no 'i n'é a la fin de 'l mes"
servizievole agg. servizios
servizio sm. 1) sarvise [sar-vì-∫e] /feime chesto sarvise 2) servì /andare a servizio: dì a servì /servizio [ser-vì-ẑio] /servizio militar
servo sm. servitor
servomotore sm. servomotor
sessanta agg.numer.card.inv. sessanta
sessione sf. session
sesso sm. sesso /fare sesso: fei l'amor
seta sf. seda
setacciare v.tr., setacciato tamesà
setaccio sm. tamis [ta-mìs], crivel [cri-vèl]
sete sf. siede [sié-đe]
setola sf. sedola
settanta agg.numer.card.inv. setanta
sette agg.numer.card.inv. sete
settembre sm. setembre
settentrione sm. /rivolto a -: poster [po-stèr], posterno [po-stèr-no]
settimana sf. stemana
settimino agg. e sm. setemin
settore sm. setor
severo agg. ruspio, duro
sevizia sf. tortura
seviziare v.tr., seviziato torturà
sezionare v.tr., sezionato taià su
sezione sf. sezion [se-ẑión]
sfacciato agg. e sm. sfazà [sfa-ẑà]
sfacelo sm. ruina sf.
sfamare v.tr. e v.rifl., sfamato desfamà
sfarzo sm. pompa sf.
sfasciare v.tr. 1) fei an fas 2) desfassà /sfasciato /ha sfasciato l'automobile: l'a fato an fas de la machina
sfatare v.tr., sfatato descredità
sfaticato agg. e sm. fania [fa-nìa], fanulon
sfavillare v.intr., sfavillato p.p. lusì
sfavorevole agg. contra, contrario
sfera sf. bala
sferico agg. tondo
sferrare v.tr., sferrato tirà
sferzare v.tr. scurià
sfibrare v.tr., sfibrato p.p. scanà
sfida sf. desfida
sfidare v.tr., sfidato p.p. desfidà [de-sfi-đà], tirà a zimento [ẑi-mén-to]
sfiducia sf. difidenza [di-fi-đèn-ẑa]; disaprovazion [di-∫a-pro-va-ẑión]
sfigurare v.tr., sfigurato p.p. desfigurà /l'é fin desfigurà
sfilare v.tr. e v.rifl., sfilato p.p. 2) desfilà 2) (abiti) se tirà fora
sfilata sf. sfilada [sfi-là-đa]
sfinire v.tr., sfinito p.p. sfenì, sfinì
sfiorare v.tr., sfiorato p.p. sfiorà, sfilà via, sfiligà
sfiorire v.intr., sfiorito p.p. desfiorì, infiapì
sfocato agg. anebià, fora fuò [fuó]
sfociare v.intr., sfociato p.p. (se) bucià v.rifl.
sfoderare v.tr. 1) tirà fora 2) sfiodrà
sfogarsi v.rifl. se sbrocà fora, se sfogà
sfoggiare v.tr., sfoggiato p.p. esebì, mostrà
sfoglia sf. sfoia [sfò-ia]
sfogliare v.tr., sfogliato p.p. sfoià
sfogo sm. sbrocada sf. [∫bro-cà-đa]
sfollare v.intr., sfollato p.p. sfolà
sfoltire v.tr., sfoltito p.p. restuognà, desbroià, taià fora
sfondare v.tr., sfondato p.p. parà inte /(milit.) sfondà
sformare v.tr., sformato p.p. desformà /(abiti) slampragnà
sfornare v.tr., sfornato p.p. tirà fora dal forno
sfortuna sf. desfortuna, pegola [pé-go-la], scarogna
sfortunato agg. desfortunà, malocià, scarognà
sforzarsi v.rifl. se indurà /no 'l s'indura gnanca a leasse i cordoi de le scarpe
sforzo sm. fadia sf. [fa-đìa] /senza sforzo: ẑenẑa fadia /ho fatto un grosso sforzo: ei fato al balon
sfrattare v.tr., sfrattato p.p. parà fora
sfregare v.tr., sfregato p.p. sfreà /sfregare il pavimento = sfreà su al siolo
sfregiare v.tr., sfregiato p.p. cortelà, desfigurà
sfrenato agg. scatenà, esagerà
sfrondare v.tr., sfrondato p.p. daramà
sfrontato agg. sfrontà
sfruttare v.tr., sfruttato p.p. profità v.intr. e v.rifl.
sfuggire v.tr. e v.intr., sfuggito p.p. 1) schivà, scampà 2) (farla franca) scapolà /che no te crede de scapolatela
sfumare v.tr. e v.intr., sfumato p.p. sparì
sfuriata sf. sfuriada
sgabello sm. scain [scàin], scanio, scagnel [sca-gnèl]
sgabuzzino sm. busigatol [bu-∫i-gà-tol]
sgambetto sm. gambarola sf. [gam-ba-rò-la]
sganciare v.tr., sganciato p.p. 1) despicà 2) (bombe) molà do, sgancià
sgangherato agg. malbetù
sgarbato agg. vilan
sgarbo sm. vilania sf.
sgelare v.tr., sgelato p.p. desiazà [de-∫ia-ẑà]
sghignazzare v.intr. se sganassà v.rifl.
sgocciolare v.intr. desgore [de-∫gó-re]
sgomberare v.tr., sgomberato p.p. sgombrà, liberà fora /sgombro da neve: taren [ta-rén] /inte stradon l'é duto taren
sgomentare v.tr. e v.rifl., sgomentato p.p. spasemà, stremì
sgomento sm. spasemada sf., stremida sf.
sgonfiare v.tr. e v.rifl., sgonfiato p.p. desgionfà
sgorbia sf. sgubia [∫gù-bia] /V.M.T. afferma che la - era anche chiamata guoima [guói-ma] dal nome del paese zoldano di Goima dove era prodotta
sgorbio sm. spagaze [spa-gà-ẑe], spagazo [spa-gà-ẑo]
sgorgare v.tr. e v.intr., sgorgato p.p. 1) sautà fora 2) desgurià
sgozzare v.tr., sgozzato p.p. taià la gargata, sgozà [∫go-ẑà]
sgradevole agg. fastidios
sgradito agg. malvedù
sgranare v.tr., sgranato p.p. (legumi) sgofolà
sgrassare v.tr., sgrassato p.p. desgrassà
sgravio sm. desgravio
sgraziato agg. malpieze [mal-pié-ẑe]
sgretolare v.tr. pestuzà [pe-stu-ẑà] /sgretolarsi v.rifl. se desboà
sgridare v.tr., sgridato p.p. cridà v.intr. [cri-đà] /lo ho sgridato = ghi ei cridà
sgridata sf. cridada [cri-đà-đa], coiabita
sgrossare v.tr., sgrossato p.p. desgrossà, sgrossà
sgrovigliare v.tr., sgrovigliato p.p. despetolà, desgatià
sguaiato agg. ordenario [or-đe-nà-rio]
sgualcire v.tr., sgualcito p.p. infufignà, strapazà [stra-pa-ẑà]
sguardo sm. ociada sf. [o-cià-đa] /ha uno sguardo cattivo: al varda fora da tristo
sguazzare v.intr., sguazzato p.p. sguazà [∫gua-ẑà], sguatarà
sgusciare v.tr. e v.intr., sgusciato p.p. 1) (legumi) sgofolà 2) (sfuggire) sbrissà via
av. ai, (arc.), sì, deseguro /aì, tu 'l me fiol (arc.)
si pron. se, s-
sia....sia cong. sea....sea
sibilare v.intr., sibilato p.p. fis-cià
sibilo sm. fis-cio
siccome cong. sicome
siccità sf. seco sm., arso sm.
sicomoro sm. segamoro
sicuramente av. de seguro
sicurezza sf. sicureza [si-cu-ré-ẑa] /(var.) seguranza [se-gu-ràn-ẑa]
sicuro agg. seguro /mettere al - bete via de sote
siepe sf. ziesa [ẑié-∫a]
siero sm. (latte) scolo [scò-lo]
sifone sm. sifon
sigaretta sf. spagnoleta (arc.); zigareta [ẑi-ga-ré-ta]
sigaro sm. zigaro [ẑì-ga-ro]
sigillare v.tr., sigillato p.p. sigilà
sigillo sm. sigilo
sigla sf. sigla
siglare v.tr., siglato p.p. firmà, segnà
significare v.tr. volé dì
significato sm. senso
signore sm. sior [siór] (pl. siore) /Il Signore Nostro Signor /"O dute del Signor, o dute del diau"
signorina sf. tosa [tó-∫a]
silenzio sm. pas sf., chiete sf.
silenzioso agg. ceto
sillaba sf. silaba
silvestre agg. forestal
simbolo sm. simbol
simile agg. conpain [con-pàin]; al somea [so-méa]
simpatia sf. simpatia /al va a simpatie
simpatico agg. entrante
simulare v.tr. sconde, fei finta
simulazione sf. finta
sincerarsi v.rifl. se senzierà [se sen-ẑie-rà]
sincero agg. senzier [sen-ẑiér]
sindacato sm. sindacato
sindaco sm. (capo del comune) La voce corrispondente in dialetto è marigo [ma-rì-go], capo presso le Regole cadorine (vedi voce). (Si noti come in francese sindaco sia "maire") /(var.) capocomun /sindaco in dialetto significa supervisore, controllore
singhiozzare v.intr. suiozà [su-io-ẑà]
singhiozzo smsuioze [su-ió-ẑe]
singolare agg. senestro, estros, particolar
singolo agg. ugnol [ù-gnol]
sinistra agg. (man) zancia [ẑàn-cia]
sinistro agg. 1) (a sinistra) zancio [ẑàn-cio] 2) (infausto) senestro, sinestro 
sintetico agg. 1) curto 2) artificial
sintetizzare v.tr. scurtà, reduse, ricapitolà
sintomo sm. segnal
sinuoso agg. a bissaboa
sinusite sf. sinusite
sistemare v.tr., sistemato p.p. regolà, sistemà, sagaià
sistemazione sf. sistemazion [si-ste-ma-ẑión]
sito sm. posto [pó-sto]
situare v.tr. e v.rifl. bete /situato p.p.  betù
slacciare, slacciato p.p. dezolà [de-ẑo-là], molà
slancio sm. oga sf. [ó-ga]
slargo piazola [pia-ẑò-la]
slavato agg. descolorì
slavina sf. lavina [la-vì-na]
sleale aggmalfidà
slegare v.tr. e v.rifl., slegato p.p. desleà
slitta sf. slita /slitta da carico: lioda [lió-đa] (Cibiana: vedovea [ ve-do-véa]) /parte anteriore della lioda: cocio sm. [cò-cio] /pattini della lioda: audin sm.inv. [au-đìn]
A volte la lioda veniva trainata da una manza, vedi foto:
http://www.ladinia.org/lavoro/foto/26.jpg
Su come veniva guidata la lioda, vedi foto:
http://www.ladinia.org/lavoro/foto/3.jpg
slittare v.intr., slittato p.p. 1) sbrissà 2) se slontanà v.rifl. 3) se niscolà v.rifl.
slittino sm. audeta sf. [au-đé-ta]; - monoposto cocia sf. [cò-cia]
slogare v.tr. e v.rifl., slogato p.p.  stravalicà
sloggiare v.tr., sloggiato p.p. parà fora
smacchiare v.tr., smacchiato p.p.  desmacià, smacià
smacco sm. fiasco
smagliante agg. brilante
smagliatura sf. (tess.) crepada [cre-pà-đa], sbreo sm.
smaltare v.tr., smaltato p.p. smaltà
smaltire v.tr., smaltito p.p. parà fora, smaltì
smania sf. frenesia
smaniare v.intr., smaniato p.p.  smanià
smantellare v.tr. bate do
smarrimento sm. confusion sf.
smarrire v.tr. e v.rifl. 1) (colore) smarì 2) (oggetti) tramaià, perde 3) (confondersi) se confusionà
smascherare v.tr., smascherato scuaià
smemorato agg. smemorà
smentire v.tr. retratà, contradì
smerciare v.tr., smerciato p.p. smerzià [smer-ẑià]
smerigliare v.tr., smerigliato p.p. smeriglià
smettere v.tr., smesso p.p. fenì, lassà via
smilzo agg. menudo, scarmol
sminuire v.tr., sminuito p.p. diminuì, tirà do
sminuzzare v.tr. fei stricole loc.v.intr. [fèi strì-co-le]; pestuzà [pe-stu-ẑà] /ei fato dute stricole
smisurato agg. fora de mesura, smisurà
smontare v.intr., smontato p.p. desmontà (do) /son tomà a desmontà do da la coriera
smonticare v.tr., smonticato p.p. desmonteà, smonteà
smorfia sf. smorfia, moto sm. [mò-to] /smorfia della bocca dei bambini quando stanno per piangere: scafa
smorfioso agg. smorfios
smorto agg. zenza espression [ẑèn-ẑa]
smorzare v.tr., smorzato p.p. 1) destudà 2) sbassà
smottamento sm. roa sf. [róa], boa sf. [bóa]
smozzicato agg. moze [mó-ẑe]
smunto agg. sconì
smuovere v.tr. moe
smussare v.tr., smussato p.p. 1) smussà, redondà [re-đon-dà], rotondà 2) (tronchi) pilonà (o pironà) 3) (fig.) atenuà
smusso sm. smus
snaturato agg. e sm. degenerà
snervare v.tr., snervato tuì
snidare v.tr., snidato p.p. desnidià [de-∫ni-đià], desnedià [de-∫ne-đià] /l'e 'n puoro nès desnedià: è una povera creatura trascurata [vedi L. Ariosto, Orlando Furioso: "l'una a da star, l'altra convien che snide"] /ha dato via tutto: l'a desnedià fora duto
snodare v.tr., snodato p.p. desgropà
snodo sm. bortuela sf. [bor-tu-è-la], articolazion sf. [ar-ti-co-la-ẑión], snodo /(arti) lesura sf.
soave agg. dolze [dól-ẑe]
sobbalzare v.intr., sobbalzato p.p. sautà su
sobbalzo sm. sauto
sobbarcarsi v.rifl. se tuoi su [tuói]
sobillare v.tr., sobillato p.p. istigà
sobrio agg. e sm. 1) (non ebbro) senzier [sen-ẑiér] 2) moderà [mo-đe-rà]
socchiudere v.intr. (imposte) tirà apede
soccombere v.intr. ziede [ẑié-đe]
soccorrere v.tr., soccorso p.p. adià [a-đià], socore
soccorso sm. socorso, assistenza sf. [as-si-stèn-ẑa]
sociale agg. sozial, [so-ẑiàl] comun
società sf. sozietà [so-ẑie-tà]
socio sm. sozio [sò-ẑio]
soddisfare v.tr. 1) sodisfei [so-di-sfèi] 2) onorà /soddisfatto p.p. sodisfato, onorà
soddisfazione sf. sodisfazion [so-di-sfa-ẑión]
sodio sm. sodio
sodo agg. duro
sofferente agg. e sm. che stà mal; patì, sconì
sofferenza sf. mal sm., dolor sm.
soffiare v.intr., soffiato p.p. sofià
soffice agg. mol, molesin, trendo
soffio sm. sofiada sf. [so-fià-đa]
soffitta sf. sofita
soffocare v.tr., soffocato p.p. sofeà
soffrire v.tr. e v.intr., sofferto p.p. sofrì, padì [pa-đì]
soffritto sm. desfrito
soggetto sm. soieto, pantalon /"L'é sempre pantalon che paga"
soggezione sf. soiezion [so-ie-ẑión]
soggiornare v.intr., soggiornato p.p. stà
soggiorno sm. (locale) stua sf. 
soglia sf. soia [sò-ia]
sognare v.tr. e v.intr., sognato p.p. insognà
sogno sm. insonio [in-sò-nio]
solaio sm. 1) sofito  2) sofita sf.
solamente av. solo
solare agg. solar /l'ora solar
solco sm. canal, tai /sfendadura sf. [sfen-da-đù-ra]
soldato sm. soldà, gendarmo; militar
soldo sm. soldo, scheo [schè-o], boro [bò-ro], brustol [brù-stol]
sole sm. sol [sól] [Auronzo (I.Z.): saroio [sa-rò-io]] /levà, calà, dì sote [só-te], del sol /"Al dì de San Valentin (14 febbraio) al sol passa via la cros de Rite (a Venas)" da cui il detto: "Da San Valentin al sol va su da prin" (cioè sale in prima posizione)
soleggiato agg. solivo
solenne agg. solene /messa solene
solere v.intr. suolé [suo-lé], solé [so-lé]
soldi sm.pl. solde, schei /versione cadorina di un proverbio veneto: "I schei no i a le iambe, ma i core"
solidale agg. unì
solido agg. fermo. duro, stagno
solitamente av. de solito
solletico sm. catolize [ca-to-lì-ẑe], cote sf.pl. [cò-te], grizole sf.pl. [grì-ẑo-le]
sollevare v.tr. e v.rifl., sollevato p.p. auzà [au-ẑà], solevà
solo av. solo che /son du solo che al bar [Lozzo (E.D.F.): noma]
solo agg. solo, solitario
soltanto av. solo
soluzione sf. indreto sm. [in-dré-to], soluzion [so-lu-ẑión] /ho trovato la soluzione: èi ciatà l'indreto,... la soluzion
sòma sf. ciaria [cià-ria]
somaro sm. mus /i mus da Valesina [mulini] /l'università de Valesina
somigliare v.intr. someà, paré /somigliato someà, parù, paresto
somiglianza sf. someanza [so-me-àn-ẑa]
somma sf. soma
sommare v.tr., sommato p.p. somà
sommario sm. estrato /agg. a la bona [bò-na]
sommergere v.tr. e v.rifl., sommerso p.p. negà; iempì
sommergibile sm. sotemarin
sommesso agg. bas, ledier [le-điér]
somministrare v.tr., somministrato p.p. aministrà
sommità sf. zima [ẑì-ma], ponta [pón-ta], colmin [cól-min]
sommo agg. chel pì auto, superior [su-pe-riór]
sommossa sf. revolta, insurezion [in-su-re-ẑión]
sonaglio sm. sonai [so-nài]
sondaggio sm. sondaio
sondare v.tr., sondato p.p. sondà, esplorà
sonnambulo sm. sonambul
sonnecchiare v.intr., sonnecchiato p.p. pigolà, dormicià, pesà piere [pié-re]
sonno sm. son sf. [sòn] /me ien do la son
sonnolenza sf. budina [bu-đì-na], gnagna, poian sm. [po-iàn], paturnia
sonoro agg. auto /ha una voce sonora: l'a na vos auta
sontuoso agg. de lusso
sopperire v.intr. provede [pro-vé-đe], fei fronte [fèi] /sopperito p.p. provedù (provedesto), fato fronte
soppesare v.tr., soppesato mesurà, valutà
soppiatto (di) loc.av. de scondon [scon-dón]
sopportare v.tr., sopportato p.p. soportà
sopprimere v.tr., soppresso p.p. 1) abolì, tirà via 2) copà, mazà [ma-ẑà]
sopra prep. e av. sora [só-ra], parsora [par-só-ra], via parsora /al late l'é du parsora /al vó esse sempre parsora /me son bucià via parsora al lieto
soprabito sm. spolverina sf.
sopraffare v.tr. bate, oprime
sopraffino agg. rafinà, fin
sopralluogo sm. soralogo [so-ra-ló-go]
sopracciglia sf.pl. zeve [ẑé-ve]
soprannome sf. soranome
SOPRANNOMI (ANTICHE APPENDICI DEI COGNOMI LOCALI PER DISTINGUERE UN RAMO FAMILIARE DA UN ALTRO DELLO STESSO COGNOME, OGGI IN DISUSO)
generalmente ricavati dal già citato sito di Roberto Piccioli:
http://www.piccioli.com/genealogia/
e in parte adattati alla pronuncia dialettale, e sottolineati per quelli più o meno ancora esistenti:
VENAS
Dall’Asta: Baioco, Bambo, Bataglier, Batol, Biencio, Boteghier, Capotono, Da Loda, Dal Bus, Dal Piol, De Gnes, De Medo, Fanon, Lessio, Manera, Mariane, Marzer, Prememolo, Regadin, Varcher, Violin, Zoto
Colle: Borgheto, Caligher, D’Ignazio, De Biral, De Marcantonio, Peruto, De Susana
Da Corte: D'Inciou, Zucheta
Dalla Chiesa: Maritel
De Bernardo: Brico, Da Ròne (o D'Arone), De Farone, De Felipo, De Nane, De Nicolò, Gognin, Rondelo
De Lorenzo: Da Noa, Falia, Salvator
De Prato: Biasuto
Del Favero: Cason
Gei: Bonsior, Bressan, Casin, Da l'Ega, Da l’Ega Polone, De Bastian, De Iacomina, De Mio, De Polone, De Sote, De la Siora, De la Veneziana, Fauro, Fauroto, Faeta, Gabian, Lalo, Magadenier, Militar, Pastro, Pinegol, Polonino, Roder, Rodini, Ruosa, Scarperuto, Sgualdin, Trombeta, Veciuto
Giavi: Bosuto, De Sora, De Sote
Olivo: D'Ignazio, D’Inciou, De Beta, De Madalena, De Tonia, Dei Pici-Falìa, De la Vedua, Falia, Falia Mistro, Maritel, Masonaro, Model, Pici, Saverio, Zalon
Soravia: Camerier, Capoto, D’Ambrosin, D'Incol, Dal Vià, De Gasparina, De l’Ampezan, De la Riva, De la Tela, Fauruto, Marsina, Monego, Nelo, Soldo
Toscani: Batirame, Boneto, Chino, De Agostin de sora, De Agostin de sote, De Checo,  De Duana, De Guol, De la Mula,
De la Scala, De la Tela, De la Vedua, De la Vedua Liberal (De Biral), De Laurenze, De Tofol, De Valentin, Dei Colli, Festin, Forte, Loreta, Magola, Moro, Norio, Pelucan, Scarpita, Toscanuto
Sezione aggiunta il 31/8/2017:
VALLE
Agnoli:  Bastel, Branconi, D’Angelica, Da Fies, Dal Ponte, De Liana, De Lucietta, De Menego, De Santa, De Ton, De Ziane, Duca, Giaia, Macaron, Menudo,  Pacca, Polacco, Polone, Polonon, Sgualdi, Tesaura, Titton, Titton d’Angelica, Tittoto  
Carabin (o Cherubin):  Careghetta, Del Palaz, Macaron, Pittor, Sonvia, Venago 
Chiamulera:  Bisocchio, De Marta, Mezzanotte, Orbo, Pelin, Parnichel 

Ciliotta:  Biso, Da Fies, De Brida, Landeo, Loli, Macario, Masteller, Rosso
Corte:  Del Corte, Toffola 
Costantini:  Della Vedova, Lombardi, Romano, Vecchio, Venago 
Cruzzola:  D’Orazio, De Toldo, Sorizza 
Da Corte:  Chiaretta, Drusiana, Monego 
Da Fies:  Businel, Zeffero 
Da Giau:  Capeller, Cozzetto, De Marco, Marziol, Nicoletta, Perinel, Scheo, Tondo 
Da Val:  Colotto, Corte, Di Cilia, Mascottin, Modena, Nini,  Sartor 
Del Favero:  Casel, Cavalier, Corona, Da Nogarè, De Bona, De Danel, De Cristina, Della Pina, Fauro, Faurés, Faveri, Maeta, Maiolet, Marina, Mattana, Muto, Nanin, Pesador, Pippa,
Prè, Saio, Sbaos, Sbicere, Toscani, Tromba 
Del Longo:  Campanella, Dal Piè, Giaia, Listan, Luchet, Morando, Petito, Zopparin 
Galeazzi:  Bordac', De Sandre, Dello Spirito Santo, Donna Grazia, Listan, Maddalenute, Tittela 
Gerardis:  Bió, Oste, Sonador, Vecchio 
Giacchetti:  Balotta, D’Elena, De Danel, Gonella, Longhi   

Marinello:  Colombo, Console, Cornetta, Da Ronco, De Levisi, De Martin, Dei Tos, Della Comare, Marin, Muliner, Nello, Renzo, Schenella, Segat, Sonvia, Speranzin, Vecchio, Venezian 
Mazzorana: --  
Rizzardi:  Boleo, Capo di Cento, Da Damos, Dell’Oste, Marangon, Muliner  
Santin:  --   
Serafini:  -- 
Zoppa:  Bagatel

soprappensiero av. sorapensier
soprappiù av. sorapì
soprassedere v.intr., soprasseduto lassà perde [pèr-đe]
soprattutto av. soralduto
sopravvalutare v.tr., sopravvalutato sorastimà
sopravvivere v.intr. sopravive
sopruso sm. prepotenza sf. [pre-po-tèn-ẑa]
SORAVIA, Adalberto "Capoto" (padre dello scrivente) (Darmstadt, 1901-Venas, 1959), ma era conosciuto come "Berto de chi de Felipo", essendo vissuto da piccolo nella casa dei nonni materni De Bernardo “de Felipo”. Era figlio di Angelo (Venas, 1859-1916), che aveva iniziato l'attività di gelatiere a Darmstadt nel 1886. Agli inizi degli anni '30 gestiva una gelateria a Brno di proprietà del cognato Giuseppe Olivo (Brno, 1889-Venas, 1950). Per la rimanente parte della sua carriera di gelatiere, vedi l'articolo di Luigi Toscani, alla voce "Emigrazione", anni 1930-33. Vedi anche la voce "gelatiere", con delle storie personali.
Soravia, Alfredo "Capoto" (Venas, 1910-Trieste, 2002) Negli anni '30 a Venas, con la moglie Gei Lina (Trieste, 1915-Venas, 2006) e con un gruppo di appassionati diedero vita a una compagnia teatrale. Gestirono anche il cinema di Venas, che si trovava in un edificio, oggi demolito, tra le Scuole e l'albergo Borghetto. Ai ragazzi che non avevano i soldi del biglietto lasciavano vedere gratis il secondo tempo. Le proiezioni del famoso "Istituto Luce", continuate anche in tempo di guerra, erano i telegiornali dell'epoca.
Soravia, Angelo "Soldo" (Venas, 1916-1991) Titolare dell'omonima impresa edile, di antica tradizione famigliare, tuttora attiva a Venas. Fu anche amministratore comunale. Il figlio Giuseppe (Venas, 1948-Innsbruck, 1980) fu atleta della squadra nazionale italiana di bob, specialità in cui riportò ottimi risultati. Perse la vita in un tragico incidente durante una prova di bob in Austria. Il figlio Fausto è stato campione europeo juniores di bob.
Soravia, Antonio "Capoto" (Venas, 1906-Vallesina, 1945) Segretario Politico del Fascio del Comune di Valle durante la guerra, e dopo l'8 settembre, Commissario del Presidio di Venas della Repubblica Sociale Italiana. Attirato in un agguato, fu ucciso a tradimento al ponte di Vallesina il 29 aprile 1945.
Il fratello Giacomo (Venas, 1899-Verona, 1987) si diplomò in Svizzera come ragioniere, e, ragazzo del '99, partecipò al primo conflitto mondiale come pilota d'aereo. Imprenditore, prima nell'importazione di frutta dall'Italia alla Germania, poi nella produzione di liquori e di preparati per gelato in Germania; ditta tuttora attiva a Colonia. Aiutò nel dopoguerra i perseguitati della ex R.S.I.
Il figlio maschio di Giacomo, Cesare Soravia (Francoforte, 26/2/1929-Colonia, 30/7/2011) proseguì l'attività paterna. Uomo di vasta cultura, laureato a Ca' Foscari di Venezia, fu grande appassionato e collezionista di opere di musica classica. Fu presidente dell'Istituto di Cultura Italiano di Colonia. Divise la sua residenza tra Verona, Colonia, e Venas, che considerava la sua patria e di cui conosceva bene la storia e il dialetto.
Soravia, Fortunato "d'Incol" (Venas, 1916-Borca, 2001) Poeta. Scrisse alcuni libri di poesie, in italiano. Sposò Coletti Irene (Arezzo, 1924-Pieve, 1968) e con lei gestì un negozio di mercerie, prima a Venas, poi a Borca. Il negozio di Venas era stato aperto dalla madre di Irene, Soravia Maria (Venas, 1899-1971) con il socio Cantarella Giovanni.
Soravia, Guerrino "d'Incol" (1917-1974) Nacque lontano da Venas, ma con origini e casa nel paese, rimase orfano a 5 anni di entrambi i genitori e fu preso in cura da uno zio a S.Vito Chietino. A 18 anni spinto dall'amor di patria si arruolò volontario nell'Areonautica Militare. Fu 1° Aviere marconista, radio operatore del Capitano Bartolomeo Tomasino, il cui aereo, un trimotore Savoia Marchetti SM79, fu abbattuto dagli inglesi al largo di La Galite (Tunisia) il 27 settembre 1941. Soravia fu ripescato in mare dopo molte ore dalla nave Forester, e fatto prigioniero; era ferito a una gamba, che gli fu poi amputata. Fu l'unico sopravvissuto tra gli equipaggi (78 uomini) degli aerei abbattuti in quella missione. Medaglia di bronzo al V.M.
Sopra il portone di ingresso della casa di Venas di Guerrino Soravia in via In Col/Maestra esiste tuttora una nicchia rettangolare chiusa da una vetrinetta che ricorda il fatto: vi sono infatti collocati un modellino del trimotore SM79 e una riproduzione della statua della Madonna nera di Loreto, patrona degli aviatori (fare click sull'immagine per ingrandire):

Soravia, Isidoro "d'Incol" (Venas, 1901-1970c.) Fu gelatiere a Kaunas, Lituania, dal 1936 (Vedi l'episodio della sua fuga dalla città nel 1940 all'arrivo dei carri armati russi, sopra alla voce EMIGRAZIONE). Dopo la guerra, aprì un negozio di frutta, alimentari, gelati a Venas gestito assieme alla moglie Isabella (Venas, 1905-1978), attività poi continuata dal figlio Giovanni.
Soravia, Marco "de l'Ampezan" (Venas, 1917-1988) - Gelatiere di Venas. Come molti altri compaesani, nel dopoguerra, assieme alla moglie Margherita Toscani "de Laurenze - da l'Oio" (Como, 1922-Mühldorf, 2010) apre una gelateria nella Germania Ovest, a Monaco. Nel 1962 si spostano a Mühldorf am Inn, con l' "Eiscafe Venezia", gelateria ancora gestita dalla figlia e dal nipote. Entrambi i genitori di Marco e Margherita gestivano alla fine degli anni '30 due "Eispaläste" a Chemnitz e a Kattowitz - Katowice (Polonia).
Soravia, Paolo "Capoto" (Venas, 1879-1958) Albergatore, proprietario dell' albergo "all'Angelo" di Venas con annessi bar, ristorante, negozio di generi alimentari, macelleria, attività continuate per molti anni dal figlio Enzo (Venas, 1923-2016). Enzo fu anche presidente della Sezione Ex-Internati di Pieve, insignito della “Medaglia d’Onore” del Presidente del Consiglio dei Ministri. Il negozio di alimentari fu poi distaccato nell'edificio adiacente detto "delle Bimbe", che fu gestito per molti anni dal cognato di Enzo Ignazio Gei "Pastro" (Venas, 1934-1989), e quindi passato ad altri affittuari, fino al giorno d'oggi . L'albergo fu convertito in condominio, eccetto il piano terra, tuttora sede di un bar-pizzeria. Il figlio Raimondo (Venas, 1920-1978), laureato in economia, fu titolare della Idos di Venas, Industria Dolomitica Occhiali Soravia. Ricoprì vari incarichi nella Associazione Industriali di Belluno. Fu candidato alle elezioni della Camera dei Deputati del 25 maggio 1958 per il Partito Liberale Italiano. La fabbrica era stata fondata, nel 1947, dal fratello Enzo e dal cugino Soravia Osvaldo, (Venas, 1910-Rosenheim, 1960); il primo si dedicò poi all'attività di albergatore, ecc. e il secondo preferì poi prendere la strada dei gelati; scomparso in ancor giovane età, l'attività in Germania venne sviluppata con successo dalla vedova e dai figli.
Enzo Soravia
Soravia, Tullio "d'Incol" (Venezia, 1926 - Venas, 2004) Dotato di una non sempre apprezzata vena poetica, è ricordato per aver composto e fatto collocare in varie località cadorine alcune lapidi, tra le quali la seguente, dedicata al Cadore, che si trova a San Vito al km. 94,5 della S.S. 51:
Un'altra lapide si trova sulla facciata di palazzo Piloni-Costantini a Valle, di fronte alla caratteristica fontana di pietra a pianta ottagonale in cima alla borgata Costa, e recita:
VISIONE CADORINA
PER LE VETUSTE FONTI
COLTE PER GLI ACQUEDOTTI
FILANO ALPINE L'ACQUE
BALDE DAI MONTI AI POZZI


ALTRA "FILASTROCCA" di Tullio Soravia, di quando, alla fine della guerra, lavorava per l'Organizzazione TODT a Ospitale (Filastrocca pubblicata dall' "Amico del Popolo" in un articolo apparso nel giugno 2014 e firmato da Agostino Sacchet, il quale riporta i ricordi degli ex operai della TODT Livio Del Favero e Felice Olivotto):
"Per la Todt Organizzazione, alle cinque alla stazione.
Alle cinque del mattino si va a prendere il trenino.
E con un balzo, si arriva alla stazione di Calalzo.
Poi si monta sul gran treno, che ci porta via sereno
e si arriva a Ospitale. Con i pic e con le pale
ce ne andiamo mesti, mesti a far ponti per i Tedeschi.
A lavorar sul Piave proviamo un gran spavento per paura di cascar dentro.
Preghiamo sempre il buon Dio, che nessun ci spinga drio."
Soravia, Vito "Monego" (Venas, 1936-2012) Gelatiere, prima dipendente della "TOSCANI-EIS" ad Essen, poi direttore a Stoccarda e a Tübingen, e infine in proprio sempre a Tübingen. A Venas fu animatore di attività sportive, presidente della Pro Loco e vigile del fuoco volontario. Fu responsabile regionale e allenatore veneto di slittino su strada, giudice di partenza della coppa del mondo di sci femminile e giudice della gara di fondo di sci Dobbiaco - Cortina.
Soravia, Vittorio "de l'Ampezan" (Venas, 1927-1988) Conosciuto in paese come "Vitorio de la carne" tenne per molti anni un negozio di macelleria nel palazzo Gei "de la Siora".
soqquadro sm. sotesora [so-te-só-ra] /mettere a soqquadro: voltà sotesora
sorbo sm. pomela sf. [po-mè-la] (frutto); pianta: menestro [me-nè-stro]
sorcio sm. soriza sf. [so-rì-ẑa]
sordo agg. e sm. sordo [sór-đo] /è completamente sordo: l'é sordo patoco /"No l'é pedo sordo de chi che no vo sentì"
sordone sm. (Prunella collaris) grison da croda [gri-∫ón]
sorella sf. sorela [Lozzo: suor [suór]]
sorellastra sf. sorelastra
sorgente sf. fontana, vena, aghei sm. [a-ghèi]
sorgere v.intr., sorto levà
sormontare v.tr. e v.intr., sormontato p.p. passà sora
sorpassare v.tr., sorpassato p.p. passà via
sorprendere v.tr. e v.rifl. 1) ciapà 2) fei de marevea
sorreggere v.tr. cenì su /sorretto p.p. cenù su
sorridere v.intr. soride [so-rì-đe]
sorriso sm. soriso
sorsata sf. s-ciupada [s-ciu-pà-đa]
sorseggiare v.tr., sorseggiato p.p. s-ciupà
sorso sm. s-ciup, sluc
sorte sf. destin sm.
sorteggiare v.tr., sorteggiato p.p. tirà a sorte; tirà le bruschete [bru-sché-te]
sorteggio sm. estrazion sf. [e-stra-ẑión], loteria sf.
sortilegio sm. fatura sf., strionaria sf.
sospendere v.tr. e v.rifl., sospeso p.p. 1) picà su, 2) lassà via
sospensione sf. sospension
sospettare v.intr., sospettato p.p. sospetà
sospetto sm. sospeto
sospettoso agg.e sm. sospetos, malfidente [mal-fi-đèn-te]
sospingere v.tr. preme /sospinto p.p. premù (premesto)
sospirare v.intr., sospirato p.p. sospirà
sospiro sm. sospir, sospiro
sosta sf. sosta [só-sta] (anche in senso di riparo: m' èi tirà a sosta)
sostanza sf. roba [rò-ba]
sostare v.intr., se fermà v.rifl.
sostegno sm. sostenio
sostenere v.tr. e v.rifl. sostegnì /sostenuto p.p. sostegnù
sostentamento sm. sussistenza sf. [sus-si-tèn-ẑa]
sostituire v.tr. e v.rifl., sostituito p.p. cambià, sostituì
sostituzione sf. cambio sm.
sottana sf. cotola [cò-to-la]
sotterfugio sm. fufigna sf. [fù-fi-gna]
sotterraneo agg. sotetera [so-te-tè-ra]
sotterrare v.tr., sotterrato p.p. sepolì
sottigliezza sf. fineza [fi-né-ẑa]
sottile agg. fin
sottintendere  v.tr. soteintende
sotto prep. e av. sote [só-te] /sotto l'Antelao: su par sote l' -
sottobraccio av. sotebraze [so-te-brà-ẑe], a brazeto loc.av. [bra-ẑé-to]
sottocosto sm. sotecosto
sottoportico sm. soteportego
sottomettere v.tr. e v.rifl., sottomesso p.p. soietà, concuistà
sottoporre v.tr. e v.rifl. sotepone /sottoposto p.p. soteponesto, soteposto
sottoscala sf. sotescala
sottoscrivere v.tr., sottoscritto p.p. firmà
sottosopra av. e sm. sotesora
sottostare v.intr. stà sote
sottoterra av. sotetera
sottoveste sf. peliza [pe-lì-ẑa] (R.P.), cotolin sm., sotoveste
sottovoce av. sotevos
sottrarre v.tr. 1) (conti) defalcà, tirà do, sotrae 2) sgrafignà, robà
sottrarsi v.rifl. evità v.tr.
sottrazione sf. 1) sotra 2) robaria [ro-ba-rìa]
sovrano sm. re, paron [pa-rón]
sovrapporre v.tr. e v.rifl. bete sora [bé-te só-ra] /sovrapposto p.p. betù sora
sovrastare v.tr., sovrastato p.p. dominà
sozzo agg. e sm. cozon [co-ẑón], pazito [pa-ẑì-to], porzel [por-ẑèl]
spaccare v.tr. e v.rifl., spaccato p.p. spacà, pestà su /son dù a pestà su legne par al prèe
spaccatura sf. spacadura [spa-ca-đù-ra], sfendadura [sfen-da-đù-ra]
spacciare v.tr. vende, contrabandà
spacciatore sm. traficante
spaccio sm. magaden [ma-ga-đén]; trafico
spacco sm. tai
spaccone sm. blagon [bla-gón]
spada sf. spada [spà-đa]
spadroneggiare v.intr., spadroneggiato p.p. paronà
spaesato agg. spaesà
spago sm. spago
spaiato agg. sconpagnà
spalancare v.tr. verde fora [vèr-đe fò-ra], spalancà / spalancato p.p. verto fora, spalancà
spalare v.tr., spalato p.p. spalà
spalla sf. spala
spalleggiare v.tr., spalleggiato p.p. faorì, adià [a-đià]
spalleggiarsi v.rifl. se portà (un con chel autro)
spalliera sf. schenal sm. [sche-nàl]
spalmare v.tr. onde [ón-de] /spalmato p.p. onto, ondesto 
spalto sm. spalto
spanare v.tr. e v.rifl., spanato p.p. (rovinare la filettatura delle viti) spanà /chesta vida la é spanada
spandere v.tr. spande /spanto p.p. spandù, spandesto
spanna sf. spanda
spannare v.tr., spannato p.p. (togliere la panna dal latte) sbramà [∫bra-mà]
sparare v.tr. e v.intr., sparato p.p. sbarà, s-ciopetà
sparecchiare v.tr., sparecchiato p.p. desparecià, sparecià, desbratà, drezà via [dre-ẑà] /dreẑa via la tola
spareggio sm. despato
spargere v.tr. 1) scarà 2) (voce) sparpaià, bete fora

sparire v.intr., sparito p.p. sparì
sparlare v.intr. dì do [đó], sparlà /sparlato p.p. dito do, sparlà
sparo sm. colpo, sbarada sf. [sba-rà-đa]
sparpagliare v.tr., sparpagliato p.p. sparpaià, scarà fora [fò-ra]
spartineve sm. varsor [var-sór]
spartire v.tr. e v.rifl. divide [di-vì-đe] /spartito p.p. dividesto
sparviere sm. storela sf. [sto-rè-la]
spasimo sm. convulsion sf. [con-vul-sión]
spasso sm. 1) straviamento 2) spasso /dì a spasso col cian
spauracchio sm. spauracio
spavaldo agg. sprota [sprò-ta]
spaventare v.tr. e v.rifl., spaventato p.p. 1) spasemà [spa-∫e-mà], sprigolà 2) (anim.) sparnizà [spar-ni-ẑà]; scaturlì
spavento sm. spasemada sf. [spa-∫e-mà-đa], sbigola sf. [∫bì-go-la], stremida sf. [stre-mì-đa]
spaventoso agg. oribil
spazientire v.tr. e v.rifl. fei perde la pazienza [fèi pèr-đe, pa-ẑién-ẑa], tirà storno, tirà mato
spazioso agg. spazios [spa-ẑiós]
spazzacamino sm. spazacamin [spa-ẑa-ca-mìn]
spazzare v.tr., spazzato p.p. scoà su
spazzatura sf. scoaze sf.pl. [sco-à-ẑe]
spazzino sm.  spazin [spa-ẑìn]
spazzola sf. bruschin sm. [bru-schìn], spazola [spà-ẑo-la] /spazzolino: spazolin [spa-ẑo-lìn]
specchietto sm. speceto
specchio sm. specio
speciale agg. spezial [spe-ẑiàl], special
specialmente av. spezie [spè-ẑie]
specie sf.inv. sorte /inte 'l zoo l'é animai de dute le sorte
specificare v.tr., specificato p.p. specificà
speculazione sf. speculazion [spe-cu-la-ẑión]
spedire v.tr., spedito p.p. spedì [spe-đì]
spedizione sf. spedizion [spe-đì-ẑión]
spedizioniere sm. spedizionier [spe-đi-ẑio-niér]
spegnere v.tr. e v.rifl., spento studà [stu-đà], destudà [de-stu-đà] /- la calce: desgalà la ciauzina [ciau-ẑì-na]
spellare v.tr. e v.rifl., spellato p.p. spelà, pelà, scorzà [scor-ẑà]
spellatura sf. scorzada [scor-ẑà-đa]
spendaccione agg. e sm. desvasego [de-svà-∫e-go], co le man sbusade
spendere v.tr. spende /speso spendù
speranza sf. speranza [spe-ràn-ẑa] /beti in nome speranẑa
sperare v.intr., sperato p.p. sperà
sperduto agg. perdù [per-đù]
spergiurare v.intr., spergiurato p.p. spergiurà
spericolato agg. e sm. aventà, inprudente
sperimentare v.tr., sperimentato p.p. proà, sperimentà
speronare v.tr., speronato p.p. tamponà
sperone sm. 1) (sprone) spiron [spi-rón] 2) (rocce) spuncion [spun-ción]
sperperare v.tr., sperperato p.p. desnedià [de-sne-đià]
spesa sf. spesa, compra
spesso agg. spes, gros
spesso av. da spes
spessorare v.tr., spessorato p.p. (occh.) spessorà
spessore sm. spessor
spettacolo sm. spetacol
spettare v.intr., spettato tocià
spettatore sm. spetator
spettinare v.tr. e v.rifl., spettinato p.p. despetenà, sghirlatà
spettro sm. fantasma, spirito
spezie sf.pl. condimente sm.pl.
spezzare v.tr. e v.rifl., spezzato p.p. scavazà [sca-va-ẑà]
spezzatino sm. tocio [tò-cio]
spia sf. 1) (delatore) spion sm. [spi-ón] 2) (mecc.) spia 3) (uccellagione) reciamo sm.
spianare v.tr., spianato p.p. galivà, drezà fora [dre-ẑà fò-ra]
spiare v.tr. paissà [pais-sà], fei la sguaita [fèi la ∫gu-ài-ta], spionà
spianatoio sm. panaruò [pa-na-ruó]
spiata sf. sguaita, spiada [spi-à-đa]
spiazzo sm. spiazo [spia-ẑo]
spiccare v.tr., spiccato p.p. 1) destacà, ciapà 2) risaltà
spicchio sm. spigo; resta sf. [rè-sta] (di aglio, ecc.);
spicciare v.tr. e v.rifl., spicciato p.p. sbrigà
spiccioli sm.pl. moneda sf. [mo-né-đa] /non ho spiccioli: no èi moneda
spidocchiare v.tr. e v.rifl., spidocchiato p.p. despedocià [de-spe-đo-cià], spedocià [spe-đo-cià]
spiedo sm. (girarrosto) menarosto
spiegare v.tr. e v.rifl., spiegato p.p. 1) spiegà 2) scarà
spiegazione sf. spiegazion [spie-ga-ẑión]
spiegazzare v.tr. e v.rifl., spiegazzato p.p. infufignà
spifferare v.tr. pande /spifferato p.p. pandù, (pandesto)
spiffero sm. corente sf.
spiga sf. spigo sm.
spigliato agg. sgaio
spigola sf. branzin sm.
spigolo sm. spigol
spilla sf. pontapeto sm. [pon-ta-pè-to]
spillare v.tr., spillato p.p. 1) (liquidi) spinà 2) (denaro) scrocà
spillo sm. busela sf. [bu-∫è-la]
spilorcio agg. e sm. cimpa, tegnos [te-gnós]
spilungone agg. e sm. stangiarlon
spina sf. 1) (botanica) spin sm.; racio sm. (di arbusto); spuncion sm. [spun-ción] (grossa spina acuminata) 2) (cannella del vino, connettore elettrico) spina (spina è anche il rubinetto dell'acqua)
spinaci sm.pl. mafincoin (R.P.) (arc.) [ma-fin-còin]
spinacio selvatico loc.s.m. farinole sf.pl. [fa-ri-nò-le] /[Perarolo: grassola sf. [gràs-so-la]]
spinacione sm. spinaze [spi-nà-ẑe]
spingere preme [pré-me], pende [pén-de] /spinto p.p. premù, premesto; pendù, pendesto
spinta prenta [prén-ta], sprenta [sprén-ta]
spintonare, spintonato p.p. sburtonà, sprentonà
spintone sburton [∫bur-tón], sprenton [spren-tón]
spioncello (Anthus spinoletta) fista granda
spiovente sm. (tetto) ala sf.
spiovere, spiovuto p.p. tirà su; lassà via de piove [pió-ve]
spiraglio sm. sfesa sf. [sfé-∫a]
spirale sf. rizo sm. [rì-ẑo]
spirare v.intr., spirato p.p. 1) (morire) spirà 2) (vento) sofià
spirito sm. spirito |"i spiriti " significa paura improvvisa: ghi é ienù i spiriti
spiritoso agg. e sm. spiritoso, bufon
spirituale agg. spiritual
splendente agg. lusente, lustro
splendere v.intr. lusì
splendido agg. ecezional [e-ce-ẑio-nàl], favolos [fa-vo-lós]
spocchia sf. blaga
spogliare v.tr. e v.rifl., spogliato p.p. despoià
spoglie di conifere loc.s.f.pl. (aghi caduti nel terreno) dassa sf.inv. [đàs-sa] (abete); dema sf.inv. [đé-ma] (larice)
spola sf. (tess.) naveta
spolpare v.tr., spolpato p.p. despolpà
spolverare v.tr., spolverato p.p. forbì
spontaneo agg. natural
sporadico agg. raro, isolà
sporcare v.tr. e v.rifl., sporcato p.p. sporcià; sminderà (spesso seguiti da "su") /chel riedo al s'a sporcià su duto
sporco agg. sporcio, incarognà, inbrodignà, slepazà [∫le-pa-ẑà] /sm. (persona) slondron [∫lon-drón], cozon [co-ẑón], pazito [pa-ẑì-to], tuze [tù-ẑe], zeghign [ẑè-ghign] /(sporcizia) porcaria sf., coze [cò-ẑe], sporcio, sterna sf. [stèr-na], cragna sf. /(in senso morale) sminderai sm.inv. [∫min-de-rài]
sporgente agg. che sporde fora
sporgenza sf. beco sm. [bè-co], brinche sm.
sporgere v.tr. e v. rifl. sporde [spòr-đe], sporde fora [fò-ra]
sport sm. sport
sporta sf. sboldra [∫ból-dra]
sportello sm. portela sf. [por-tè-la]; sportel [spor-tèl]
sposare v.tr. e v.rifl., sposato p.p. maridà [ma-ri-đà], incasà [in-ca-∫à]
sposi sm.pl. spose /sposo che si accasa nell'abitazione della moglie: cuco
spostare v.tr. e v.rifl., spostato p.p. tramudà [tra-mu-đà], spostà
spranga sf. spranga, stangia
sprecare v.tr., sprecato p.p. strazà [stra-ẑà]
spregevole agg. ludro [lù-đro]
spremere v.tr., spremuto p.p. strucà fora
spremuta sf. sugo sm.
sprigionare v.tr. e v.rifl., sprigionato p.p. bucià fora
sprizzare v.tr. e v.intr., sprizzato p.p. sghizà [sghi-ẑà]
sprofondare v.intr. dì sote /sprofondato dù sote
sprone sm. spiron [spi-rón] /a spron battuto: de spiron batù
sproporzionato agg. malfato, malproporzionà [mal-pro-por-ẑio-nà]
sproposito sm. sproposito
sprovveduto agg. e sm. sprovedù, pandolo [pan-dò-lo]
sprovvisto agg. sprovedù [spro-ve-đù]
spruzzare v.tr., spruzzato p.p. sghizà [sghi-ẑà], spingià
spruzzo sm. sghizo [sghì-ẑo]
spugna sf.  spongia [spón-gia], spugna
spuntare v.intr. spuntolì, spuntà, ienì fora
spuntino sm. marenda sf.
spunto sm. idea sf. [i-đèa], ocasion [o-ca-∫ión]
spuntone sm. spuncion [spun-ción] /spuntone di ghiaccio: candeloto [can-de-lò-to] (L.S.I.)
spurgare v.tr., spurgato p.p. desgurià, netà fora [fò-ra]
sputacchio sm. paparoto [pa-pa-rò-to]
sputare v.intr., sputato p.p. sbutà
sputo sm. sbutada sf. [sbu-tà-đa]
sputtanare v.tr., sputtanato p.p. splazità [spla-ẑi-tà], sputanà
squadra sf. scuara
squadrare v.tr., squadrato p.p. scuarà
squadratore sm. (tronchi) scuarador [scua-ra-đór] /Nei documenti dell' '800 della Regola di Venas è una delle poche parole scritte in dialetto: squarador, assieme a manoal
squagliare v.tr. e v.rifl., squagliato p.p. delegà
squalificare v.tr., squalificato p.p. descualificà, scualificà
squallido agg. malpieze [mal-pié-ẑe], miserion [mi-∫e-rión]
squallore sm. desolazion sf. [de-∫o-la-ẑión], miseria sf.
squalo sm. scual, scualo, cian de mar
squama sf. scaia [scà-ia]
squamare v.tr., squamato p.p. descaià
squattrinato agg. e sm. lustro, zenza 'n boro [ẑèn-ẑa 'n bò-ro], zenza 'n brustol [ẑèn-ẑa 'n brù-stol] sboletà, spelachià
squilibrato agg. e sm. co le fassine scarade [sca-rà-đe]
squisito agg. saorì, delizios [de-li-ẑiós]
squittire v.intr. stride [strì-đe]
sradicare v.tr., sradicato p.p. sradisà [∫ra-đi-∫à]
sramare v.tr., sramato p.p. daramà
sramatura sf. daramada [da-ra-mà-đa]
stabile agg. fermo /sm. ciasa sf. [cià-∫a], costruzion sf. [co-strù-ẑión]
stabilimento sm. fabrica sf.
stabilire v.tr. e v.rifl., stabilito p.p. stabilì
staccare v.tr. e v.rifl., staccato p.p. destacà
staccionata sf. spaltada [spal-tà-đa], stangiada [stan-già-đa]
stadera sf. stadiera [sta-đié-ra]
staffa sf. stafa
staffilata sf. svirgolada [svir-go-là-đa] /l'a ciapà na svirgolada inte le iambe
stagionale agg. staional
stagione sf. staion [sta-ión] /dì a feisse la staion in Germania /avon avù na bona staion
stagnare v.tr., stagnato p.p. stagnà
stagnino sm. stagnin /(var.) clompar [clòm-par]
stagno sm. stain [stàin], stagno
stalla sf. stala
stamattina av. incuoi bonora [in-cuói bo-nó-ra]
stampare v.tr., stampato p.p. stampà
stampella sf. crozola [crò-ẑo-la], zoncola [ẑòn-co-la]
stancata sf. stracada [stra-cà-đa], scanada [sca-nà-đa]
stanchezza sf. stracheza [stra-ché-ẑa], fiaca, persa [pèr-sa]
stanco agg. straco, fiaco, scanà
stanga sf. stangia /piccola -: stangiola (L.S.I.)
stanotte av. stanuote [sta-nuó-te]
stantìo agg. vecio [vè-cio], ranzego [ràn-ẑe-go]
stantuffo sm. piston [pi-stón]
stanza sf. cambra /stanza stretta: canesela [ca-ne-∫è-la] /stanzino: stanzin sm. [stan-ẑìn]
stanziare v.tr., stanziato p.p. destinà
stappare v.tr. (bottiglia) verde [vèr-đe]
stare v.intr., stato stà
starnutire v.intr., starnutito p.p. starnudà [star-nu-đà]
starnuto sm. starnudada sf. [star-nu-đà-đa]
stasera av. stasera
statale agg. e sm. statal (pl. statai) /i statai l'é chi che se la passa meo de dute
stato sm. 1) stado, stato 2) situazion sf. [si-tua-ẑión]
statua sf. statua
statura sf. auteza [au-té-ẑa]
statuto sm. statuto (per alcune notizie sullo Statuto Cadorino del 1338, vedi alla voce: Pieve di Cadore) /(Regole Cadorine) laudo
stavolta av. staota [sta-ò-ta]
stazione sf. stazion [sta-ẑión]
Stazione Venas-Cibiana della Ferrovia delle Dolomiti (1921-1964)
stecca sf. bacheta
steccato sm. spaltada sf. [spal-tà-đa]
stella sf. stela /stellina: steluta
stemma sm. stema [stè-ma] (Stemma del Cadore: lo stemma del Cadore è d'azzurro a due torri d'argento, merlate di tre alla ghibellina, con una banderuola sulla cima di ciascuna e fra esse un abete al naturale; il tutto fondato sulla campagna di verde; l'abete attraversante una catena di ferro che chiude il passo tra le due torri) [da Internet]. Le due torri rappresentano i castelli di Botestagno e di Pieve, di origine longobarda. (nome dei castelli in tedesco medievale: Peytlstain, Pleyf). Qui è riprodotto lo stemma del Cadore, il più fedele che abbia trovato alla descrizione araldica:
STEMMI FAMILIARI DI VENAS
Come stemma noto, mi risulta sopravvissuto solo quello della famiglia Dall'Asta, così descritto: troncato semipartito, al 1° d'azzurro con tre stelle bianche, al 2° di verde, al 3° di rosso scuro, il tutto attraversato diagonalmente da un'asta (lancia) con un fazzoletto bianco annodato in alto e con uno scudo rotondo affiancato al centro.
Qui è riprodotto detto stemma, dipinto, ma purtroppo in cattive condizioni di conservazione, sulla facciata anteriore della chiesa privata dei Dall'Asta a Venas (località Lasta) e dedicata a Santa Elisabetta (XVI secolo):
Qui invece c'è un disegno fatto a mano, tratto dall'immagine suddetta, eseguito dal brasiliano Ricardo Dall'Asta:

stemperare v.tr. e v.rifl., stemperato destenperà
stendardo sm. gonfalon [gon-fa-lón] /al gonfalon de San Marco (bandiera della Cernida di Venas, che sventolò nella Battaglia di Rusecco del 2 marzo 1508, custodita nella Chiesa Parrocchiale di Venas - vedi foto alla voce Centenaro)
stendere v.tr. 1) (mettere a terra, sul letto, ecc. - anche v.rifl.) scarà, bucià do, destirà /steso p.p. idem 2) (distendere, es. panni) bete fora, stende fora, scarà fora /steso p.p. betù fora, stendesto fora, scarà fora 3) (articolazioni, ecc.) slongà fora /steso p.p. idem 4) (mano di pittura) dà su /steso p.p. dato su 5) (documento) bete do, scrive do /steso p.p. betù do, scrito do
stentare v.intr., stentato p.p. stentà
sterile agg. sterpo [stèr-po]
sterminare v.tr., sterminato p.p. sterminà
sterminio sm. delenda sf., macel
sterpaio sm. grembegna sf. [grém-be-gna]
sterrato agg. no asfaltà
sterzare v.intr., sterzato voltà
sterzo sm. volante
stesso agg. e pron.dimostr. stes [stés]
stesso (lo) loc.av. istes [i-stés]
stile sm. stil, stile
stillare v.tr. e v.intr., stillato p.p. gozà [go-ẑà]
stillicidio sm. (gocciolamento dal tetto senza grondaia, linea di gocciolamento del tetto) stralesegna [stra-le-∫é-gna]  sf., usato soprattutto al plurale: stralesegne
stima sf. stima, considerazion [con-si-de-ra-ẑión], opinion [o-pi-nión]
stimare v.tr., stimato p.p. stimà /fèi stimà la ciasa
stimolare v.tr., stimolato p.p. stimolà
stimolo sm. stimol (pl. stimui)
stipare v.tr., stipato p.p. stivà
stipite sm. (porta) erta sf. [èr-ta]
stiracchiarsi v.rifl. se destirà fora [de-sti-rà fò-ra]
stirare v.tr., stirato p.p. 1) stirà 2) sopressà [so-pres-sà]
stirizzire v.tr. e v.rifl., stirizzito p.p. sbramì, sbramolì /betete ca suparpede 'l fuó, che te te sbramolisse fora
stirpe sf. iania [ia-nìa]
stitico agg. e sm. (anche avaro) cagaduro
stivale sm. stival
stoccafisso sm. bacalà
stoffa sf. stofa
stomachevole agg. stomeos [sto-me-ós]
stomaco sm. stomego [stó-me-go] /peso allo stomaco: peta [pé-ta] /ei na peta sul stomego
stonare v.intr., stonato p.p. 1) stonà 2) stomeà /chela cravata la stomea su chel vestì
stoppa sf. stopa
stoppia sf. stonfon sm. [ston-fón]
stoppino sm. paver [pa-vér] (R.P.), stopin
storcere v.tr. e v.rifl. storze [stòr-ẑe] /storto storto
storia sf. storia
storiella sf. storieleta
storione sm. storion [sto-rión]
stordire v.tr., stordito p.p. stornì /al vin al m'a stornì
stormire v.intr., stormito p.p. buligà
stormo sm. s-ciapada sf. [s'cia-pà-đa] /na s'ciapada de auẑiei
stornare v.tr., stornato p.p. stornà
storno sm. (uccello) stornel
storpiare v.tr., storpiato p.p. (arti) mastruzà [ma-stru-ẑà] /(parole) sbrodegà
storpio agg. e sm. zompo [ẑóm-po]
storta sf. stravalicada [stra-va-li-cà-đa]
storto agg. storto, (legname) svergolà, sberlà
stoviglie sf.pl. piate sm.pl.
strabico agg. e sm. stralocio [stra-lò-cio]
strabiliante agg. straordenario [stra-or-đe-nà-rio]
stracarico agg. straciarià
stracciare v.tr., stracciato p.p. sbreà
straccio sm. straza sf. [strà-ẑa]
straccione agg. e sm. strazon [stra-ẑón]
stracotto agg. stracuoto [stra-cuó-to]
strada sf. strada [strà-đa] /- a tornanti: - a bissaboa [bis-sa-bóa], /strada principale: stradon sm. [stra-đón] /- ripida: cavalera [ca-va-lè-ra] /La Cavalèra: vecchia strada di Alemagna da Perarolo a Tai /[Auronzo, Lozzo: duda [dù-đa]]
stradale agg. stradal
strafare v.intr. strafei [stra-fèi]
stafalcione sm. asenada sf. [a-∫e-nà-đa]
strafottente agg. sfazà [sfa-ẑà]
strage sf. straie
stralunato agg. stralunà
stramazzare v.intr., stramazzato p.p. sbragazà [sbra-ga-ẑà]
stramberia sf. matità, matio sm. [ma-tìo], strambaria
strambo agg. straverto, strambo, matusel [ma-tu-sèl]
strame sm. sterneda sf. [stèr-ne-đa], sternadura sf. [ster-na-đù-ra], sterna sf. [stèr-na]
stranamente av. da stranio, da stran
strangolare v.tr., strangolato p.p. strozà [stro-ẑà], sofeà
stranezza sf. matità, strambaria
straniero agg. e sm. foresto, redoto (spreg.)  [re-đó-to]
strano agg. stranio, stran
straordinario agg. straordenario [stra-or-đe-nà-rio]
strapazzare v.tr. e v.rifl., strapazzato p.p. strapazà [stra-pa-ẑà]
strappare v.tr., strappato p.p. sbreà
strappo sm. sbreo, sbreon /- nei vestiti: sete [sè-te] /èi fato an sete inte le braghe
straripamento sm. inondazion sf. [i-non-da-ẑión]
straripare v.intr. dì parsora, inondà
strascicare v.tr., strascicato p.p. strassignà
strascico sm. strassigna sf., traina sf. [trài-na] /a strascico: a stroze [strò-ẑe]
stratagemma sm. fufigna sf. [fù-fi-gna]
strattone sm. tiron [ti-rón]
stravagante agg. e sm. straverto [stra-vèr-to]
stravecchio agg. vecio cuco /(cibi) staionà, de anada [a-nà-đa]
stravolgere v.tr. e v.rifl., stravolto p.p. stravoltà
straziare v.tr., straziato p.p. torturà
strega sf. stria
stregato agg. strià
stregone sm. strion
stregoneria sf. striaria
stregua sf. mesura
stremare v.tr., stremato p.p. scanà, tuì
stremo sm. fora inson [fò-ra in-són] /sono allo stremo: son fora inson
strenna sf. bonaman
strenuo agg. valoros [va-lo-rós]
strepitoso agg. ecezional [e-ce-ẑio-nàl]
stretta sf. strenta /na strenta de man
stretto agg. strento, a nicio
striato agg. visolà [vi-∫o-là]
stridere v.intr. stride [strì-đe], stridà [stri-đà]
stridìo sm. stridesta sf. [stri-đé-sta]
strillare v.intr., strillato p.p. zigà [ẑi-gà], craià
strillo sm. zigada sf. [ẑi-gà-đa], zigo [ẑì-go]
stringere v.tr. strende, strucà /stretto p.p. strendù, strento, strendesto; strucà
striscia sf. strissa, strica, stricola
striscio sm. stris, strisson
stritolare v.tr., stritolato p.p. mastruzà [ma-stru-ẑà]
strizzare v.tr., strizzato p.p. stracolà
strofinaccio sm. straza sf. [strà-ẑa], canevaza sf. [ca-ne-và-ẑa]
strofinare v.tr., strofinato p.p. sfreà, lustrà
strombazzare v.tr. e v.intr., strombazzato p.p. 1) sbandierà 2) strombetà
stronzo sm. muzol [mù-ẑol] /agg. canaia, carogna
stropicciare v.tr. e v.rifl., stropicciato p.p. (vestiti) infufignà /(occhi) sfregolà
strozzare v.tr., strozzato p.p. strangolà, sofeà
strozzatura sf. strozadura [stro-ẑa-đù-ra]
strumentalizzare v.tr., strumentalizzato p.p. manipolà
strumento sm. atreze [a-tré-ẑe]
strutto sm. struto
struttura sf. 1) conformazion [con-for-ma-ẑión], strutura 2) teler sm. [te-lèr] 3) (corpo) ossamenta
struzzo sm. struzo [strù-ẑo]
stuccare v.tr., stuccato p.p. stucà
stucco sm. stuco /sono rimasto di stucco: son restà come 'n stival
studente sm. studente
studiare v.tr., studiato p.p. studià
studio sm. studio
studioso agg. e sm. studios [stu-điós]
stufa sf. stufa, fornel sm. [for-nèl], stube; stua (L.S.I.)
stufare v.tr. e v.rifl., stufato p.p. stufà
stupefatto agg. inmatonì
stupidaggine sf. monada [mo-nà-đa], stampionada [stam-pio-nà-đa]
stupido agg. stampion [stam-pión], porogramo [po-ro-grà-mo], sempio [sèm-pio]
stupire v.tr. stranià /stupirsi v.rifl. se fei marevea [fèi ma-re-véa]
stupore sm. straniamento
stuprare v.tr., stuprato stuprà
sturare v.tr. (bottiglie) verde [vèr-đe] /(scarichi) destropà, desgurià
stuzzicadenti sm. stecadento
stuzzicare v.tr., stuzzicato p.p. stuzigà [stu-ẑi-gà]
su prep. e av. su, desora, auf (auf mi risulta usato solo nell'espressione "dì co le bale in auf" = fallire) / su, come do, via, inte, fora, è usato in forma particolare, es.: su par sora, su par sote, su in son, su in ẑima, su parpede; parà su, voltà su, tirà su, strutà su, netà su, ecc.
sua agg.poss.di 3ª pers.sing.f. soa , sò
subaffittare v.tr., subaffittato p.p. subafità
subbia sf. (lesina, sgorbia) sgubia [∫gù-bia] /Vedi sgorbia
subbuglio sm. desordin [de-∫ór-din], desio [de-∫ìo], sanfasson [san-fas-són]
subdolo agg. fufignon [fu-fi-gnón]
subentrare v.intr., subentrato p.p. subentrà
subire v.tr., subìto p.p. soportà, parà do [đó]
subito av. inbota [in-bò-ta], de colpo, direto [di-rè-to], coren [co-rèn]
sublime agg. al pì auto
subodorare v.tr., subodorato p.p. sospetà, snasà [sna-∫à]
subordinato agg. e sm. subordinà
succedaneo agg. e sm. surogato /al surogato de cafè
succedere v.intr. suziede [su-ẑié-đe] /successo p.p. suziedù, suziedesto
successione sf. sucession
successivamente av. pì 'n là, dapò, dopo
successo sf. suces, sucesso
succhiare v.tr., succhiato p.p. ciucià /ciucia i diede: [se non hai da mangiare] succhia le dita
succhietto sm. ciucio
succinto agg. curto
succo sm. sugo
succoso agg. saorì /sugoso
succursale sf. sucursal
sud sm. medodì [me-đo-đì]
sudare v.intr., sudato p.p. sudà [su-đà]
sudata sf. sudada [su-đà-đa]
sudicio agg. cozon [co-ẑón]
sudore sm. sudor [su-đór] /son duto inte 'n sudor
suddetto agg. sudito [su-đì-to]
suddividere v.tr. divide fora [di-vì-đe fò-ra]
sufficiente agg. assei [as-sèi] /il vino è sufficiente: al vin l'é assei /(voto scolastico) suficente
suggellare v.tr., suggellato serà, sigilà
suggello sm. sigilo
suggerimento sm. aviso
suggerire v.tr., suggerito p.p. sugerì
suggeritore sm. sugeritor
suggestionare v.tr., suggestionato p.p. influenzà [in-flu-en-ẑà]
sughero sm. suro
sugna sf. sonda
sugo sm. sugo
suicidarsi v.rifl. se copà
suino agg. de porzel [por-ẑèl] /sm. porzel, cus, cucio
suo agg.poss.di 3ª pers.sing.m. 
suocero sm. missier [mis-siér]; suocera sf. madona [ma-đò-na]
suola sf. siola [siò-la], sola [sò-la] /pontà, inpontà siole = cucire [rinforzare] le suole di stoffa degli "scarpete"
suolo sm. taren [ta-rén] /suolo pubblico: taren publico
suonare v.tr. e v.intr., suonato p.p. sonà
suonatore sm. sonador [so-na-đor]
suonata sf. sonada [so-nà-đa]
suoneggiare v.intr. sonatà
suono sm. son [sòn]
suora sf. monega
superare v.tr., superato p.p. passà via
superbia sf. aroganza [a-ro-gàn-ẑa]
superbo agg. superbo, arogante
superficiale agg. 1) facilon [fa-ci-lón] 2) parsora [par-só-ra]
superficie sf. area
superfluo agg. in pì, de massa
superiore agg. pì auto, de sora
superiorità sf. aroganza [a-ro-gàn-ẑa], blaga
superstite agg. e sm. che resta
superstizione sf. superstizion [su-per-sti-ẑión]
superstizioso agg. superstizios [su-per-sti-ẑiós]
supino agg. in schena
suppergiù av. supodò [su-po-đó]
Suppiane Supiane Borgata di Venas /Cenni storici su Suppiane si trovano nel mio Post: http://blog-cadorin-books-pietrosoravia.blogspot.com/2009/08/cenni-storici-sulla-borgata-di-suppiane.html
supplemento sm. donta sf., suplemento
supplica sf. suplica
supplicare v.tr., supplicato p.p. suplicà, preà
supplire v.tr. e v.intr., supplito compensà, sostituì
supplizio sm. tortura sf.
supponenza sf. pofarmì sm. [pò-far-mì]
supporre v.tr., supposto p.p. imaginà
supporto sm. pontel [pon-tèl], cavaleto /(fig.) apoio [a-pò-io]
supposizione sf. suposizion [su-po-∫i-ẑión]
supposta sf. suposta
supremo agg. final, massimo /l'ora suprema: l'ora final
suppurare v.intr., suppurato p.p. madurì [ma-đu-rì]
surgelatore sm. congelator
surriscaldare v.tr. e v.rifl., surriscaldato p.p. s-ciaudà massa
surrogato sm. surogato
suscettibile agg. inparmalos [in-par-ma-lós]
suscitare v.tr. provocà, produse [pro-đù-∫e], fei sautà fora [fèi, fò-ra]
susino sm. susin, sosin, amol [à-mol], brombol [bróm-bol]
sussistere v.intr. esse [ès-se], durà
sussultare v.intr., sussultato p.p. 1) (di persone) sautà su 2) (di cose) tremà
sussurrare v.tr. mormorà, dì sote vos
suturare v.tr., suturato p.p. così su [co-∫ì]
svagare v.tr. e v.rifl., svagato p.p. stravià
svago sm. straviamento
svaligiare v.tr., svaligiato p.p. svalisà [sva-li-∫à]
svalutare v.tr., svalutato p.p. svalutà
svalutazione sf. svalutazion [sva-lu-ta-ẑión]
svanire v.intr., svanito p.p. sparì
svantaggio sm. desvantado [de-∫van-tà-đo], descapito
svaporare v.intr., svaporato p.p. svampolì /(var.) svampì
svariato agg. svarià
svasare v.tr., svasato p.p. scampanà
svegliare v.tr. e v.rifl., svegliato (sveglio) dessedà [des-se-đà], descantà, desmissià
svelare v.tr. pande /svelato p.p. pandù (pandesto)
sveltezza sf. svelteza [svel-té-ẑa]
svelto agg. svelto, descantà
svendita sf. saldo sm., licuidazion [li-cui-da-ẑión]
svenimento sm. svanimento
svenire v.intr. dì via, svenì /svenuto p.p. dù via, svenù
sventare v.tr. fei sautà, mandà a monte
sventato agg. sturlulù, pandolo [pan-dò-lo]
sventolare v.intr., sventolato p.p. sventolà
sventura sf. desgrazia [de-sgrà-ẑia]
sventurato agg. desgrazià [de-sgra-ẑià]
svergognare v.tr., svegognato p.p. svargognà
svernare v.intr., svernato p.p. passà fora l'inverno
svestire v.tr. e v.rifl., svestito p.p. despoià
svezzare v.tr., svezzato p.p. deslatà
sviare v.tr., sviato p.p. svià
svignare v.intr., svignato p.p. mocà, svignà /se l'è svignata: al se l'a mocada....svignada
sviluppare v.tr. svilupà, fei cresse [fèi crés-se]
svista sf. distrazion [di-stra-ẑión]
svitare v.tr., svitato p.p. desvidà [de-∫vi-đà]
svogliato agg. faulenza [fau-lèn-ẑa]
svolazzare v.intr., svolazzato p.p. solatà [∫o-la-tà]
svolta sf. ota [òta], voltada [vol-tà-đa] /fare la svolta: fei l'ota
svoltare v.tr. e v.intr., svoltato p.p. girà, svoltà
svuotare v.tr., svuotato p.p. desvuoità